Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

Alunbrig come trattamento di prima linea per il carcinoma polmonare avanzato non-a-piccole cellule ALK+, approvato nell'Unione Europea


La Commissione europea ( CE ) ha esteso l'autorizzazione all'immissione in commercio di Alunbrig ( Brigatinib ) per includerne l'uso come monoterapia per il trattamento dei pazienti adulti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in stadio avanzato, ALK-positivo ( ALK+ ), precedentemente non-trattato con un inibitore di ALK.

L'approvazione si basa sui risultati dello studio di fase 3 ALTA-1L, che ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Brigatinib rispetto a Crizotinib nei pazienti con tumore NSCLC ALK+ localmente avanzato o metastatico che non hanno ricevuto un precedente trattamento con un inibitore di ALK.
I risultati dello studio hanno mostrato che Brigatinib è superiore rispetto a Crizotinib con una significativa attività antitumorale osservata nei pazienti con metastasi cerebrali al basale.
Dopo più di due anni di follow-up, Brigatinib ha ridotto il rischio di progressione o morte della malattia intracranica del 69% nei pazienti con metastasi cerebrali al basale ( hazard ratio [ HR ] = 0.31, IC 95%: 0.17-0.56 ), sulla base della valutazione di un Comitato di revisione indipendente in cieco ( BIRC ), e ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di mortalità del 76% nei pazienti con metastasi cerebrali al basale ( HR = 0.24, IC 95%: 0.12-0.45 ), come valutato dai ricercatori.
Brigatinib ha anche dimostrato una efficacia complessiva coerente ( popolazione intent-to-treat ), con una sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana più di due volte superiore a quella di Crizotinib ( IC 95%: 18.5-NE [ non-stimato ] ), rispettivamente, 24.0 mesi versus 11.0 mesi ( IC 95%: 9.2-12.9 ) secondo BIRC; 29.4 mesi ( IC 95%: 21.2-NE ) versus 9.2 mesi ( IC 95%: 7.4-12.9 ) secondo i ricercatori.

I più comuni eventi avversi emergenti dal trattamento ( TEAE ) di grado maggiore o uguale a 3 nel braccio Brigatinib sono stati: aumento della creatinfosfochinasi [ CPK ] ( 24.3% ), aumento della lipasi ( 14.0% ) e ipertensione ( 11.8% ); nel braccio Crizotinib sono stati: aumento dei livelli di ALT [ alanina aminotransferasi ] ( 10.2% ), AST [ aspartato transaminasi ] ( 6.6% ) e lipasi ( 6.6% ).

ALTA-1L ( ALK in Lung Cancer Trial of BrigAtinib in 1st Line ) di Brigatinib negli adulti è uno studio globale, in corso, randomizzato, comparativo, multicentrico, che ha arruolato 275 pazienti ( Brigatinib, n = 137 , Crizotinib, n = 138 ) con tumore NSCLC ALK+ localmente avanzato o metastatico che non avevano ricevuto un precedente trattamento con un inibitore di ALK.

I pazienti hanno ricevuto Brigatinib, 180 mg una volta al giorno con una dose iniziale di 7 giorni a 90 mg una volta al giorno, o Crizotinib, 250 mg due volte al giorno.
L'età media era di 58 anni nel braccio Brigatinib e di 60 anni nel braccio Crizotinib.
Il 29% dei pazienti presentava metastasi cerebrali al basale nel braccio Brigatinib contro il 30% nel braccio Crizotinib.
Il 26% dei pazienti aveva ricevuto una precedente chemioterapia per malattia avanzata o metastatica nel braccio Brigatinib contro il 27% nel braccio Crizotinib.

La sopravvivenza libera da progressione valutata da BIRC era l'endpoint primario. Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta oggettiva ( ORR ) secondo i criteri RECIST v1.1, il tasso di risposta oggettiva intracranico, sopravvivenza libera da progressione intracranica, sopravvivenza globale ( OS ), sicurezza e tollerabilità.

Il cancro del polmone non-a-piccole cellule è la forma più comune di carcinoma polmonare, rappresentando circa l'85% di 1.8 milioni di nuovi casi stimati di cancro ai polmoni diagnosticati ogni anno in tutto il mondo, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità ( OMS ).
Studi genetici hanno indicato che i riarrangiamenti cromosomici in ALK sono fattori chiave in un sottogruppo di pazienti con tumore NSCLC. Circa il 3-5% dei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule metastatico presenta un riarrangiamento nel gene ALK. ( Xagena2020 )

Fonte: Takeda, 2020

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro