Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

La FDA ha approvato Abemaciclib più terapia endocrina nel setting adiuvante per il carcinoma mammario precoce ad alto rischio resecato


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Verzenio ( Abemaciclib ) più terapia endocrina come trattamento adiuvante per i pazienti con carcinoma mammario in fase iniziale linfonodo-positivo, HR-positivo, HER2-negativo, e che sono ad alto rischio di recidiva e hanno un punteggio Ki-67 del 20% o superiore.

La determinazione di K9-67, un marcatore di proliferazione cellulare, deve essere determinata mediante un test approvato dalla FDA.

I risultati dello studio monarchE di fase 3 multicentrico in aperto hanno fornito supporto alla decisione della FDA.
I pazienti con carcinoma mammario, resecato precocemente, HR-positivo, HER2-negativo e con caratteristiche cliniche e patologiche associate a un alto rischio di recidiva della malattia, sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere 2 anni di Abemaciclib 150 mg due volte al giorno più terapia endocrina oppure solo terapia endocrina, con terapia endocrina nel setting adiuvante continua fino a 10 anni come raccomandato dal medico curante.

Abemaciclib ha determinato un miglioramento dell'endpoint primario di sopravvivenza libera da malattia invasiva ( iDFS ), definita come il tempo necessario affinché la malattia si ripresenti, rispetto alla sola terapia endocrina in un'analisi ad interim pre-specificata.

In un'analisi pre-specificata in pazienti con malattia ad alto rischio ( n = 2003 ), è stato osservato un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza iDFS con Abemaciclib / terapia endocrina rispetto alla sola terapia endocrina, pari a un rischio ridotto del 37% di recidiva o morte per cancro al seno ( hazard ratio, HR=0.643; IC 95%, 0.475-0.872; P = 0.0042 ).
Il tasso di beneficio assoluto di sopravvivenza iDFS a 3 anni è stato del 7.1%.

I pazienti nell'analisi pre-specificata erano quelli con fattori clinici e patologici ad alto rischio come un punteggio Ki-67 del 20% o superiore, 4 o più linfonodi ascellari positivi e da 1 a 3 linfonodi ascellari positivi con malattia di grado 3 o tumori maggiori di 5 cm.
L'indicazione si basa sui risultati di questo sottogruppo e sul follow-up aggiuntivo effettuato a posteriori.

Gli eventi avversi osservati in più del 10% dei pazienti con la combinazione sperimentale in monarchE sono stati: diarrea, infezioni, affaticamento, nausea, cefalea, vomito, stomatite, diminuzione dell'appetito, vertigini, eruzioni cutanee e alopecia.

Le anomalie di laboratorio che si sono verificate in più del 10% dei pazienti hanno incluso: aumento della creatinina, diminuzione della conta dei leucociti, diminuzione della conta dei neutrofili, anemia, diminuzione della conta dei linfociti, diminuzione della conta delle piastrine, aumento dell'alanina aminotransferasi, aumento dell'aspartato aminotransferasi e ipopotassiemia. ( Xagena )

Fonte: FDA, 2021

Gyne2021 Onco2021 Farma2021


Indietro