Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite
Farmaexplorer.it

La FDA ha esteso l'approvazione di Lorbrena come trattamento di prima linea per il carcinoma polmonare non-a-piccole cellule metastatico ALK-positivo


L'Agenzia regolatoria statunitense, FDA ( Food and Drug Administration ), ha accettato la richiesta supplementare di autorizzazione per il nuovo farmaco ( sNDA ) per Lorbrena ( Lorlatinib ), un inibitore della tirosin chinasi ( TKI ), ampliando l'indicazione per includere il trattamento di prima linea delle persone con cancro polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) ALK-positivo.

Lorlatinib è un inibitore di ALK di terza generazione specificamente progettato per inibire le mutazioni tumorali più comuni che guidano la resistenza agli attuali farmaci, e per affrontare le metastasi nel cervello, un sito frequente per la progressione della malattia nei pazienti con tumore NSCLC ALK-positivo.
Fino al 40% delle persone con tumore NSCLC metastatico ALK positivo presenta metastasi cerebrali alla diagnosi iniziale.

L'approvazione estesa di Lorbrena si basa sui risultati dello studio di fase 3 CROWN, che ha mostrato una riduzione del 72% del rischio di progressione o morte rispetto a Crizotinib ( Xalkori ) in una popolazione di pazienti non-trattata in precedenza ( hazard ratio, HR = 0.28; IC 95%, da 0.19 a 0.41; p inferiore a 0.0001 ) secondo la revisione centrale indipendente in cieco ( BICR ).

Il coinvolgimento del sistema nervoso centrale ( SNC ) è stato valutato in tutti i pazienti. C'erano 17 pazienti nel braccio Lorlatinib e 13 nel braccio Crizotinib con metastasi cerebrali misurabili mediante imaging cerebrale al basale.
Un'analisi esplorativa prespecificata ha dimostrato che, tra questi pazienti, il tasso di risposta oggettiva intracranica ( IC-ORR ), secondo BICR, è stato pari all'82% ( IC 95%, da 57 a 96 ) nel braccio Lorlatinib e del 23% ( IC 95%, da 5 a 54 ) nel braccio Crizotinib.
La durata della risposta intracranica ( IC-DOR ) è stata di 12 mesi o più nel 79% ( n = 11 ) e nello 0% dei pazienti, rispettivamente, nei bracci Lorlatinib e Crizotinib.

Gli eventi avversi più comuni di qualsiasi grado che si sono verificati nel 20% o più delle persone trattate con Lorlatinib sono stati: edema ( 56% ), aumento di peso ( 38% ), neuropatia periferica ( 35% ), effetti cognitivi. ( 21% ), diarrea ( 21% ), dispnea ( 20% ) e ipertrigliceridemia ( 22% ).
Gravi effetti avversi si sono verificati nel 34% delle persone trattate con Lorlatinib; gli effetti avversi gravi riportati più frequentemente sono stati: polmonite ( 4.7% ), dispnea ( 2.7% ), insufficienza respiratoria ( 2.7% ), effetti cognitivi ( 2.0% ) e piressia ( 2.0% ).
Gli effetti avversi fatali si sono verificati nel 3.4% delle persone trattate con Lorlatinib e hanno incluso: polmonite ( 0.7% ), insufficienza respiratoria ( 0.7% ), insufficienza cardiaca acuta ( 0.7% ), embolia polmonare ( 0.7% ) e morte improvvisa ( 0.7% ).

La sospensione permanente di Lorlatinib a causa di effetti avversi si è verificata nel 6.7% delle persone. Gli effetti avversi che hanno portato a interruzione della dose e riduzioni della dose si sono verificati rispettivamente nel 49% e nel 21% delle persone trattate con Lorlatinib. ( Xagena2021 )

Fonte: Pfizer, 2021

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro