Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it

Lynparza per il trattamento del carcinoma ovarico recidivato sensibile-al-Platino, indipendentemente dallo stato di BRCA: approvato nell'Unione Europea


L'Agenzia europea per i medicinali ( EMA ) ha approvato Lynparza ( Olaparib ) in compresse ( 300 mg due volte al giorno ) per l'uso come terapia di mantenimento nei pazienti con recidiva di carcinoma ovarico epiteliale ad alto grado, tumore delle tube di Falloppio o tumore peritoneale primario, sensibile al Platino, che sono in risposta completa o parziale alla chemioterapia a base di Platino, indipendentemente dallo stato di BRCA.

L'approvazione nell'Unione Europea si basa su due studi randomizzati, SOLO-2 e Study 19, che hanno dimostrato che Lynparza era in grado di ridurre il rischio di progressione della malattia o della mortalità per pazienti con carcinoma ovarico recidivato sensibili al Platino, rispetto al placebo.

Nello studio SOLO-2, l'analisi valutata dallo sperimentatore della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) è stata supportata con una revisione radiologica indipendente e centrale condotta in cieco della PFS, che ha mostrato una differenza di due anni nella sopravvivenza mediana libera da progressione tra Olaparib e placebo ( hazard ratio, HR = 0.25 [ IC 95%, 0.18-0.35 ], p inferiore a 0.0001, mediana 30.2 mesi vs 5.5 mesi ).

I dati sulla sopravvivenza globale ( OS ) di SOLO-2 sono attualmente immaturi.

Nell'analisi finale dello Studio 19, con oltre cinque anni di follow-up, il significativo miglioramento della sopravvivenza senza progressione si è tradotto in miglioramenti in altri endpoint chiave di efficacia, indipendentemente dallo stato di BRCA.
Inoltre, l'analisi ha mostrato che il 13% dei pazienti trattati con Lynparza è rimasto privo di progressione e in terapia per cinque anni o più.

Le reazioni avverse osservate più frequentemente negli studi clinici in pazienti in trattamento con Lynparza in monoterapia ( maggiore o uguale al 10% ) sono state: nausea, vomito, diarrea, dispepsia, affaticamento, cefalea, disgeusia, diminuzione dell'appetito, capogiri e anemia.
La maggior parte dei pazienti trattati con Lynparza è rimasta in trattamento con la dose iniziale e solo il 6-11% dei pazienti ha interrotto il trattamento a causa di un evento avverso.

Si prevede che circa la metà delle donne con carcinoma ovarico epiteliale di grado elevato presentino deficienze nella riparazione basata sulla ricombinazione omologa ( HRR ), una importante via di risposta al danno del DNA ( DDR ).
Le mutazioni avvengono più spesso all'interno di uno dei geni BRCA, tuttavia altre mutazioni genetiche possono anche avere un impatto sulla via di riparazione mediante ricombinazione omologa.
Sebbene attualmente non esistano test di routine per identificare i pazienti con queste deficienze oltre le mutazioni BRCA, la risposta alla chemioterapia a base di Platino può predire la sensibilità all'inibizione di PARP.

Lynparza, il primo inibitore della PARP approvato, è stato inizialmente autorizzato in Europa come formulazione in capsule per le donne con carcinoma ovarico recidivante sensibile-al-Platino BRCA-mutato.
La nuova formulazione in compresse, che riduce il dosaggio da otto capsule due volte al giorno a due compresse due volte al giorno, è ora disponibile per un più ampio gruppo di donne con carcinoma ovarico recidivato, Platino-sensibile. ( Xagena2018 )

Fonte: AstraZeneca, 2018

Onco2018 Gyne2018 Farma2016


Indietro