Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

Opdivo per il trattamento adiuvante dei pazienti con carcinoma uroteliale ad alto rischio - Approvato dalla FDA


La Food and Drug Administration ( FDA ) statunitense ha approvato Opdivo ( Nivolumab ) 240 mg ogni 2 settimane o 480 mg ogni 4 settimane ( iniezione per uso endovenoso ) per il trattamento adiuvante di pazienti con carcinoma uroteliale ad alto rischio di recidiva dopo aver subito una resezione radicale, indipendentemente dalla precedente chemioterapia neoadiuvante, coinvolgimento linfonodale o stato di espressione di PD-L1.

L'approvazione si basa sullo studio di fase 3 CheckMate -274, che ha confrontato Opdivo 240 mg ( n=353 ) al placebo ( n=356 ).
Nello studio, tra i pazienti che hanno ricevuto Nivolumab, la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) mediana è stata quasi il doppio rispetto a quelli che hanno ricevuto il placebo ( 20.8 mesi [ intervallo di confidenza ( IC ) 95%: da 16.5 a 27.6 ] rispetto a 10.8 mesi [ IC 95 %: da 8.3 a 13.9 ] ).
Nivolumab ha ridotto il rischio di recidiva della malattia o morte del 30% rispetto al placebo ( hazard ratio [ HR ] 0.70, IC 95%: 0.57-0.86; P=0.0008 ).
Tra i pazienti i cui tumori esprimono PD-L1 1% o più, la sopravvivenza libera da malattia mediana non è stata raggiunta ( IC 95%: da 21.2 a NE [ non-stimabile ]; n=140 ) per quelli che hanno ricevuto Nivolumab contro 8.4 mesi ( IC 95%: da 5.6 a 21.2 ; n=142 ) per il placebo; Nivolumab ha ridotto il rischio di recidiva della malattia o morte del 45% ( HR 0.55, IC 95%: da 0.39 a 0.77; P=0.0005 ).

Opdivo è associato alle seguenti avvertenze e precauzioni: reazioni avverse immuno-mediate gravi e fatali tra cui polmonite, colite, epatite ed epatotossicità, endocrinopatie, reazioni avverse dermatologiche, nefrite con disfunzione renale, altre reazioni avverse immuno-mediate; reazioni correlate all'infusione; complicanze del trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ); tossicità embrio-fetale; e aumento della mortalità nei pazienti con mieloma multiplo quando Opdivo viene aggiunto a un analogo della Talidomide e al Desametasone ( non-raccomandato al di fuori degli studi clinici controllati ).

Nello studio CheckMate -274, i pazienti sono stati randomizzati ( n=353 e n=356 rispettivamente ai bracci Nivolumab e placebo ) a ricevere Nivolumab 240 mg oppure placebo mediante infusione endovenosa di 30 minuti ogni 2 settimane fino a recidiva o tossicità inaccettabile per una durata massima del trattamento di 1 anno.
I pazienti idonei sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a Nivolumab o a placebo e sono stati stratificati per stato patologico linfonodale ( N+ vs N0/x con meno di 10 nodi rimossi vs N0 con 10 o più nodi rimossi ), cellule tumorali che esprimono PD- L1 ( maggiore o uguale a 1% vs inferiore a 1% / indeterminato in base alla valutazione del Laboratorio centrale utilizzando il test PD L1 IHC 28-8 pharmDx ) e uso di Cisplatino neoadiuvante ( sì versus no ).
Le principali misure di esito di efficacia erano la sopravvivenza libera da malattia valutata dallo sperimentatore in tutti i pazienti randomizzati e nei pazienti con tumori esprimenti PD-L1 maggiore di o pari all'1%.
La sopravvivenza libera da malattia è stata definita come il tempo alla prima ricorrenza ( tratto uroteliale locale, tratto non-uroteliale locale o metastasi a distanza ) o morte.
Ulteriori misure di esito di efficacia includevano la sopravvivenza globale.

Il dosaggio approvato dalla FDA per Opdivo è di 240 mg ogni 2 settimane ( infusione endovenosa di 30 minuti ) o di 480 mg ogni 4 settimane ( infusione endovenosa di 30 minuti ) fino a recidiva della malattia o a tossicità inaccettabile per un massimo di 1 anno.

Le reazioni avverse che hanno portato all'interruzione di Nivolumab si sono verificate nel 18% dei pazienti.
Nivolumab ha subito ritardi nella somministrazione a causa di reazioni avverse nel 33% dei pazienti.
Reazioni avverse gravi si sono verificate nel 30% dei pazienti trattati con Nivolumab.
La reazione avversa grave più frequente ( 2% o più ) nei pazienti trattati con Nivolumab è stata l'infezione del tratto urinario.
Reazioni avverse fatali si sono verificate nell'1% dei pazienti, tra cui la polmonite ( 0.6% ).
Le reazioni avverse più comuni ( 20% o più ) sono state: eruzione cutanea ( 36% ), affaticamento ( 36%), diarrea ( 30 ), prurito ( 30 ), dolore muscoloscheletrico ( 28% ) e infezione del tratto urinario ( 22% ).

Il carcinoma uroteliale, che inizia più frequentemente nelle cellule che rivestono l'interno della vescica, è il tipo più comune di cancro della vescica negli adulti negli Stati Uniti.
Ogni anno vengono diagnosticati 81.000 nuovi casi di cancro alla vescica e nella maggioranza dei casi si tratta di carcinoma uroteliale.
Oltre alla vescica, il carcinoma uroteliale può verificarsi in altre parti del tratto urinario, inclusi l'uretere e la pelvi renale.
Sebbene il cancinoma uroteliale venga diagnosticato precocemente, i tassi di recidiva e di progressione della malattia possono essere elevati.
Il tasso di sopravvivenza può variare a seconda dello stadio e di altri fattori al momento della diagnosi; per i pazienti con carcinoma uroteliale metastatico, la prognosi è spesso sfavorevole. ( Xagena2021 )

Fonte: Bristol Myers Squibb, 2021

Uro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro