Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it

Opdivo più Yervoy per i pazienti con carcinoma epatocellulare precedentemente trattato con Sorafenib, approvato dalla FDA


Opdivo ( Nivolumab ) 1 mg/kg più Yervoy ( Ipilimumab ) 3 mg/kg ( iniezioni per uso endovenoso ) è stato approvato dalla US Food and Drug Administration ( FDA ) per il trattamento del carcinoma epatocellulare ( HCC ) nei pazienti che erano stati precedentemente trattati con Sorafenib.
L'approvazione per questa indicazione è stata concessa mediante iter accelerato in base al tasso di risposta complessivo e alla durata della risposta osservata nella coorte Opdivo più Yervoy dello studio di fase 1/2 CheckMate -040.
L'approvazione definitiva per questa indicazione dipenderà dal beneficio clinico che emergerà dagli studi di conferma.

Nella coorte CheckMate -040 dei pazienti con carcinoma epatocellulare trattati in precedenza con Sorafenib, dopo un follow-up minimo di 28 mesi, il 33% ( 16/49; IC al 95%: 20-48 ) dei pazienti ha risposto al trattamento con Opdivo più Yervoy; l'8% ( 4/49 ) ha avuto una risposta completa ( CR ) e il 24% ( 12/49 ) ha avuto una risposta parziale ( PR ).
La durata delle risposte ( DOR ) variava da 4.6 a 30.5 mesi, con l'88% di durata di almeno 6 mesi, il 56% di almeno 12 mesi e il 31% di almeno 24 mesi.
Il tasso di risposta globale ( ORR ) e DOR sono stati valutati dal BICR ( Blinded Independent Central Review ) utilizzando i criteri RECIST v1.1.
L'ORR valutato dal BICR con criteri RECIST modificati è stato del 35% ( 17/49; IC al 95%: 22-50 ), con una risposta completa riportata nel 12% ( 6/49 ) dei pazienti e una risposta parziale del 22% ( 11/49 ).

CheckMate -040 è uno studio di fase 1/2, in aperto, che ha incluso una coorte di pazienti con carcinoma epatocellulare che erano progrediti o erano intolleranti a Sorafenib, e hanno ricevuto Nivolumab più Ipilimumab.
Lo studio ha incluso pazienti che esprimevano e non-esprimevano PD-L1.
I criteri chiave di ammissibilità includevano la conferma istologica di epatocarcinoma e di cirrosi in classe A di Child-Pugh. Ulteriori criteri di ammissibilità includevano coloro che erano stati infettati da HCV o HBV o che non erano stati infettati.
Sono stati esclusi i pazienti con malattia autoimmune attiva, metastasi cerebrali, una storia di encefalopatia epatica, ascite clinicamente significativa, infezione attiva da HIV o coinfezione attiva con HBV e HCV oppure HBV e HDV.
Sono stati esclusi anche i pazienti con epatocarcinoma fibrolamellare, epatocarcinoma sarcomatoide e forma mista di colangiocarcinoma ed epatocarcinoma.
Un totale di 49 pazienti sono stati trattati con Nivolumab 1 mg kg per via endovenosa e Ipilimumab 3 mg/kg per via endovenosa ogni tre settimane per quattro dosi, seguito da Nivolumab 240 mg ogni due settimane fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.
Il principale endpoint di efficacia era il tasso di risposta obiettiva, valutato da BICR utilizzando i criteri RECIST v1.1 e mRECIST ( RECIST modificato ). È stata anche valutata la durata della risposta.

La sicurezza di Opdivo 1 mg/kg e Yervoy 3 mg/kg è stata valutata in 49 pazienti. Reazioni avverse gravi si sono verificate nel 59% dei pazienti trattati con Opdivo più Yervoy.
Il trattamento è stato sospeso nel 29% dei pazienti e ritardato nel 65% dei pazienti per una reazione avversa.
Reazioni avverse gravi riportate in proporzione maggiore o uguale al 4% dei pazienti sono state: piressia, diarrea, anemia, aumento di AST ( aspartato amino transferasi ), insufficienza surrenalica, ascite, varici esofagee, emorragia, iponatremia, aumento della bilirubina ematica e polmonite.
Le reazioni avverse più comuni ( riportate in percentuale pari o superiore al 20% dei pazienti ) sono state: eruzione cutanea ( 53% ), prurito ( 53% ), dolore muscoloscheletrico ( 41% ), diarrea ( 39% ), tosse ( 37% ), diminuzione dell'appetito ( 35% ), affaticamento ( 27% ), piressia ( 27% ), dolore addominale ( 22% ), mal di testa ( 22% ), nausea ( 20% ), vertigini ( 20% ), ipotiroidismo ( 20% ), e peso ridotto ( 20% ). ( Xagena2020 )

Fonte: BMS, 2020

Gastro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro