Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Tabrecta per il trattamento dei pazienti adulti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule MET-positivo: approvato dalla FDA


La FDA ( U.S. Food and Drug Administration ) ha approvato Tabrecta ( Capmatinib ) per il trattamento dei pazienti adulti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) metastatizzato.
Tabrecta è la prima terapia approvata dalla FDA per trattare il tumore NSCLC con mutazioni specifiche, quelle che portano al salto ( skipping ) dell'esone 14 di MET.

La FDA ha inoltre approvato il test FoundationOne CDx ( F1CDx ) come diagnostica complementare per Tabrecta.
La maggior parte dei pazienti aveva campioni di tumore che erano stati testati per le mutazioni che portano al salto dell'esone 14 di MET, con conferma mediante il saggio F1CDx.
F1CDx è un esame diagnostico in vitro basato sul sequenziamento di nuova generazione ( NGS ) in grado di rilevare diverse mutazioni, incluse le mutazioni che portano al salto dell'esone 14 di MET.

Il tumore NSCLC è il tipo più comune di carcinoma polmonare, rappresentando fino al 90% di tutti i carcinomi polmonari che rientrano nella categoria delle non-a-piccole cellule.
L'NSCLC è associato a un'alta probabilità che le cellule tumorali diffondano dai polmoni ad altri organi e parti del corpo.
La metastatizzazione dei tumori consiste in una serie sequenziale di eventi, e il salto dell'esone 14 di MET è un evento critico in questo processo di diffusione.

Le mutazioni che portano al salto dell'esone 14 di MET si riscontrano nel 3-4% dei pazienti con carcinoma polmonare.

Tabrecta è un inibitore della chinasi; il blocco dell'enzima chiave aiuta a fermare la crescita delle cellule tumorali.

L' FDA ha approvato Tabrecta sulla base dei risultati di una sperimentazione clinica che ha coinvolto pazienti con tumore NSCLC con mutazioni che favoriscono il salto dell'esone 14 di MET, con EGFR-wild type e ALK-negativo, e almeno uno lesione misurabile.

Durante la sperimentazione clinica, i partecipanti hanno ricevuto Tabrecta 400 mg per via orale due volte al giorno fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.
La principale misura di esito di efficacia era il tasso di risposta globale ( ORR ), che riflette la percentuale di partecipanti che presentano un restringimento del tumore.
Un'ulteriore misura di efficacia era la durata della risposta ( DOR ).
Per la valutazione dell'efficacia, la popolazione era composta da 28 pazienti che non erano mai stati sottoposti a trattamento per tumore NSCLC e 69 pazienti precedentemente trattati.

Il tasso ORR per i 28 partecipanti è stato pari a 68%, con il 4% con una risposta completa [ CR ] e il 64% con una risposta parziale [ PR ].
Il tasso ORR per i 69 partecipanti è stato del 41%; tutti hanno presentato una risposta parziale.
Dei partecipanti che hanno risposto che non erano mai stati sottoposti a un trattamento per il tumore NSCLC, il 47% ha presentato una durata della risposta di 12 mesi o più rispetto al 32.1% dei partecipanti che erano stati precedentemente trattati.

Effetti indesiderati comuni per i pazienti che hanno assunto Tabrecta sono stati: edema periferico, nausea, affaticamento, vomito, dispnea e riduzione dell'appetito.

Tabrecta può causare gravi effetti collaterali tra cui la malattia polmonare interstiziale o la polmonite. Tabrecta deve essere sospeso in modo definitivo nei pazienti con questi effetti indesiderati.
Tabrecta può anche causare epatotossicità e gli operatori sanitari devono monitorare i test di funzionalità epatica di un paziente prima di iniziare e durante l'assunzione di Tabrecta. Se un paziente manifesta epatotossicità, Tabrecta deve essere sospeso, la dose ridotta o interrotta in modo permanente.
I pazienti, trattati con Tabrecta, possono essere più sensibili alla luce solare e devono essere avvisati di prendere precauzioni coprendo la pelle e usando protezione solare, evitando di abbronzarsi durante l'assunzione del farmaco.

Tabrecta può causare danni al feto o al neonato in via di sviluppo. Gli operatori sanitari devono avvisare le donne in gravidanza di questo rischio e consigliare sia le donne con potenziale riproduttivo sia i pazienti di sesso maschile con partner femminili con potenziale riproduttivo di far uso di un metodo contraccettivo efficace durante il trattamento con Tabrecta, e per una settimana dopo l'ultima dose. ( Xagena2020 )

Fonte: FDA, 2020

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro