Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it

Braftovi e Mektovi per il trattamento dei pazienti adulti con melanoma inoperabile o metastatico con mutazione BRAFV600: approvazione nell'Unione Europea


La Commissione Europea ha approvato la commercializzazione di Braftovi ( Encorafenib ) e Mektovi ( Binimetinib ) in combinazione per il trattamento di pazienti adulti con melanoma inoperabile o metastatico con mutazione BRAFV600 determinata con test validato.

La decisione della Commissione Europea, che segue il parere positivo del Comitato per i medicinali per uso umano ( CHMP ) dell’Agenzia europea del farmaco ( EMA ), si basa sui risultati dello studio COLUMBUS di fase III.

Lo studio COLUMBUS ha dimostrato che la combinazione di Encorafenib ( 450 mg, una volta al giorno ) e Binimetinib ( 45 mg, due volte al giorno ) ha significativamente migliorato la mediana di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto a Vemurafenib in monoterapia ( 960 mg, due volte al giorno ) ( 14.9 mesi vs 7.3 mesi; hazard ratio [ HR ] 0.54; IC 95%: 0.41–0.71; p a due code inferiore a 0.001 ).
I dati hanno dimostrato che il trattamento con Encorafenib e Binimetinib ha raggiunto una sopravvivenza globale ( OS ) mediana di 33.6 mesi, rispetto ai 16.9 mesi nei pazienti trattati con Vemurafenib in monoterapia ( HR 0.61; IC 95%: 0.47–0.79; p inferiore a 0,0001 ) nell’analisi pianificata di sopravvivenza globale prevista nello studio COLUMBUS.

Gli eventi avversi più comuni ( 25% o valore superiore ), che si sono manifestati nei pazienti trattati con la combinazione di Encorafenib e Binimetinib alla dose raccomandata ( n=274, sulla base di due studi di fase II e COLUMBUS ) erano: fatigue, nausea, diarrea, vomito, distacco della retina, dolore addominale, artralgia, aumento di creatinchinasi nel sangue e mialgia.

Nello studio COLUMBUS gli eventi avversi che hanno portato a sospensione della terapia per sospetta correlazione al trattamento in studio si sono verificati nel 6% dei pazienti.

Encorafenib è una piccola molecola per uso orale, inibitore della chinasi BRAF, e Binimetinib è una piccola molecola per uso orale inibitore MEK che colpisce enzimi chiave nella via del segnale MAPK ( RAS-RAF-MEK-ERK ).
L’attivazione non-appropriata di proteine in questa via è stata dimostrata in molti tumori tra cui il melanoma, il tumore del colon-retto, del polmone non-a-piccole cellule, della tiroide e altri. ( Xagena2018 )

Fonte: Pierre-Fabre, 2018

Onco2018 Dermo2018 Farma2018


Indietro