Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute

Combinazione di Bavencio più Inlyta per i pazienti con carcinoma a cellule renali in fase avanzata, approvata dalla FDA


Negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration ( FDA ) ha approvato Bavencio ( Avelumab ) in associazione a Inlyta ( Axitinib ) per il trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma a cellule renali ( RCC ) avanzato.
Questa è la prima approvazione della FDA per una terapia anti-PD-L1 come parte di un regime di combinazione per i pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato.

L'approvazione di Bavencio associato a Inlyta è basata sui risultati dello studio di fase III JAVELIN Renal 101, in cui la combinazione ha migliorato significativamente la sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) rispetto a Sunitinib ( Sutent ) di oltre 5 mesi nella popolazione intent-to-treat ( ITT ) ( hazard ratio, HR = 0.69 [ IC 95%: 0.56-0.84 ]; p-valore a 2 code = 0.0002; PFS mediana per Avelumab in associazione con Axitinib: 13.8 mesi [ IC 95%: 11.1-non-stimato ]; Sunitinib: 8.4 mesi [ IC 95%: 6.9-11.1 ] ).
La popolazione ITT comprendeva pazienti indipendentemente dall'espressione di PD-L1 e distinti in base ai gruppi di rischio prognostico IMDC ( International Metastatic Renal Cell Carcinoma Database ) ( favorevole 21%, intermedio 62% e sfavorevole 16% ).

In JAVELIN Renal 101, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è raddoppiato nella popolazione ITT con Avelumab in combinazione con Axitinib rispetto a Sunitinib ( 51.4% [ IC 95%: 46.6-56.1 ] contro il 25.7% [ IC 95%: 21.7-30.0 ] ).
Con un follow-up mediano di sopravvivenza globale ( OS ) di 19 mesi, i dati per l'altro endpoint primario di sopravvivenza globale erano ancora immaturi, con il 27% di decessi nella popolazione ITT.
Le reazioni avverse più comuni ( superiori o uguali al 20% ) sono state: diarrea, affaticamento, ipertensione, dolore muscoloscheletrico, nausea, mucosite, eritrodisestesia palmo-plantare, disfonia, diminuzione dell'appetito, ipotiroidismo, rash, epatotossicità, tosse, dispnea, dolore addominale e mal di testa.
Reazioni avverse gravi si sono verificate nel 35% dei pazienti che hanno ricevuto Avelumab in associazione ad Axitinib.
E' stata osservata una più alta incidenza di eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ) con Avelumab in associazione ad Axitinib, rispetto a Sunitinib.

Nel 2019, negli Stati Uniti verranno diagnosticati 73.820 nuovi casi di tumore al rene e circa 14.770 persone moriranno a causa della malattia.
Il carcinoma a cellule renali è la forma più comune di tumore al rene, rappresentando circa il 2-3% di tutti i tumori negli adulti.
Approssimativamente nel 20-30% dei pazienti il cancro al rene viene diagnosticatio per la prima volta nella fase avanzata.
Il tasso di sopravvivenza a cinque anni per i pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico è di circa il 12%.

Lo studio JAVELIN Renal 101 è uno studio randomizzato ( rapporto, 1:1 ), multicentrico, in aperto, di Avelumab in associazione ad Axitinib in 886 pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato non-trattato, indipendentemente dall'espressione PD-L1 [ popolazione intent-to-treat ( ITT ) ].
Sono stati esclusi i pazienti con malattia autoimmune o condizioni che richiedevano immunosoppressione sistemica.
Le principali misure di di efficacia erano la sopravvivenza senza progressione valutata da BICR ( Blinded Independent Central Review ) utilizzando i criteri RECIST v1.1, e la sopravvivenza globale in pazienti con tumori PD-L1-positivi utilizzando un test di sperimentazione clinica ( livello di espressione di PD-L1 maggiore o uguale all' 1% ). ( Xagena2019 )

Fonte: Pfizer, 2019

Onco2019 Nefro2019 Uro2019 Farma2019


Indietro