Colifagina S
Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it

Darzalex Faspro per il trattamento dei pazienti con amiloidosi da catene leggere di nuova diagnosi


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Darzalex Faspro ( Daratumumab e Ialuronidasi-fihj; Ialuronidasi ), una formulazione sottocutanea di Daratumumab, in combinazione con Bortezomib, Ciclofosfamide e Desametasone ( D-VCd ) per il trattamento dei pazienti adulti con amiloidosi ( AL ) da catene leggere di nuova diagnosi.

Darzalex Faspro è il primo e unico trattamento approvato dalla FDA per i pazienti con questa malattia di interesse ematologico associata alla produzione di una proteina anormale, che porta al deterioramento degli organi vitali, in particolare cuore, reni e fegato.

Questa indicazione è stata approvata con approvazione accelerata e si basa sulla misura del tasso di risposta ematologica completa ( hemCR ).
L'approvazione continua per questa indicazione è subordinata alla verifica e alla descrizione del beneficio clinico in uno studio di conferma.

Darzalex Faspro non-è-indicato e non-è-raccomandato per il trattamento di pazienti con amiloidosi da catene leggere affetti da cardiopatia di classe NYHA IIIB o classe IV o stadio Mayo IIIB al di fuori degli studi clinici controllati.

L'approvazione della FDA si basa sui risultati positivi dello studio ANDROMEDA di fase 3, presentato all'American Society of Hematology ( ASH ) 2020 Annual Meeting.
Lo studio ha valutato Darzalex Faspro in combinazione con il regime VCd, rispetto al solo regime VCd.
I pazienti in trattamento con Darzalex Faspro hanno sperimentato una risposta ematologica completa più che tripla rispetto a quella dei pazienti che hanno ricevuto solo il regime VCd ( 42% per D-VCd e 13% per VCd; P inferiore a 0.0001 ).

Circa 4.500 persone negli Stati Uniti sviluppano questa malattia rara ogni anno. L'amiloidosi AL è una malattia pericolosa per la vita, che si verifica quando le plasmacellule nel midollo osseo producono depositi di amiloide, che si accumulano negli organi vitali e alla fine causano il deterioramento degli organi.
La malattia può colpire diversi organi in persone diverse, ma gli organi più frequentemente colpiti sono il cuore, i reni, il fegato, la milza, il tratto gastrointestinale e il sistema nervoso.
Circa un terzo dei pazienti visita cinque o più medici prima di ricevere una diagnosi, e il 72% viene diagnosticato più di 1 anno dopo la prima comparsa dei sintomi.
I pazienti hanno spesso una prognosi sfavorevole a causa del ritardo nella diagnosi di amiloidosi AL, che spesso si presenta con sintomi aspecifici che possono imitare altre condizioni più comuni. Ben il 30% dei pazienti con amiloidosi AL muore entro il primo anno dalla diagnosi.

Le reazioni avverse più comuni ( 20% o più ) sono state: infezioni del tratto respiratorio superiore, diarrea, edema periferico, costipazione, affaticamento, neuropatia sensoriale periferica, nausea, insonnia, dispnea e tosse.
Reazioni avverse gravi si sono verificate nel 43% dei pazienti che hanno ricevuto Darzalex Faspro in combinazione con il regime VCd.
Le reazioni avverse gravi che si sono verificate in almeno il 5% dei pazienti nel braccio D-VCd sono state: polmonite ( 9% ), insufficienza cardiaca ( 8% ) e sepsi ( 5% ).
Reazioni avverse fatali si sono verificate nell'11% dei pazienti. Le reazioni avverse fatali che si sono verificate in più di un paziente includevano arresto cardiaco ( 4% ), morte improvvisa ( 3% ), insufficienza cardiaca ( 3% ) e sepsi ( 1% ).

Tra i pazienti che hanno ricevuto Darzalex Faspro in combinazione con il regime VCd, il 72% dei pazienti aveva un coinvolgimento cardiaco al basale con stadio I Mayo ( 3% ), stadio II ( 46% ) e stadio III ( 51% ).
Gravi disturbi cardiaci si sono verificati nel 16% dei pazienti ( 8% dei pazienti con stadio I e II Mayo e 28% dei pazienti con stadio III ).

Disturbi cardiaci gravi in oltre il 2% dei pazienti includevano insufficienza cardiaca ( 8% ), arresto cardiaco ( 4% ) e aritmia ( 4% ).
Disturbi cardiaci fatali si sono verificati nel 10% dei pazienti ( 5% dei pazienti con stadio I e II Mayo e 19% dei pazienti con stadio III ) che hanno ricevuto Darzalex Faspro in combinazione con il regime VCd.
I disturbi cardiaci fatali che si sono verificati in più di un paziente nel braccio D-VCd, includevano: arresto cardiaco ( 4% ), morte improvvisa ( 3% ) e insufficienza cardiaca ( 3% ). ( Xagena2021 )

Fonte: Janssen, 2021

Emo2021 MalRar2021 Med2021 Farma2021


Indietro