Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it

Disturbo bipolare: Quetiapina nel trattamento degli episodi acuti maniacali


L’FDA ha approvato la Quetiapina ( Seroquel ) nel trattamento di breve periodo degli episodi maniacali acuti del disturbo bipolare, in monoterapia o in associazione a Litio o a Divalproex.

Un’analisi dei dati di due studi clinici in doppio cieco, randomizzati, controllati con placebo, ha valutato l’efficacia e la sicurezza della Quetiapina in monoterapia nel trattamento degli episodi maniacali acuti in pazienti adulti con disturbo bipolare di tipo I.
La Quetiapina è stata somministrata fino a 800 mg/die.
L’end point primario era rappresentato da cambiamenti nel punteggio della scala YMRS ( Young Mania Rating Scale ) dopo 21 giorni di trattamento.
Dopo 3 settimane, il 48,1% dei pazienti trattati con Quetiapina ha raggiunto una risposta contro il 31,3% del gruppo placebo ( p = 0,001).
Dopo 3 settimane, il 37,5% dei pazienti trattati con Quetiapina ha raggiunto una remissione contro il 23,1% dei pazienti del gruppo placebo ( p = 0,002 ).

In uno studio clinico, la Quetiapina, associata a Litio o a Divalproex, nel trattamento degli episodi maniacali acuti in 191 pazienti con disturbo bipolare, è risultata più efficace del solo Litio o del solo Divalproex ( 54,3% versus 32,4%; p = 0,0005 ).
L’associazione Litio, o Divalproex , e Quetiapina ha prodotto un miglioramento del punteggio CGI/BP.

I più comuni effetti indesiderati della Quetiapina , in monoterapia , sia nel trattamento della schizofrenia che degli episodi maniacali nel disturbo bipolare , sono stati : sonnolenza ( 18% ), senso di instabilità e barcollamento ( 11% ), secchezza delle fauci ( 9% ), costipazione ( 8% ), aumento SGPT ( 5% ), dispepsia ( 5% ), aumento di peso ( 5% ).

I più comuni effetti indesiderati della Quetiapina associata al Litio o al Divalproex nel disturbo bipolare sono stati: sonnolenza ( 34% ), secchezza delle fauci ( 19% ), costipazione ( 10% ), astenia ( 10% ), dolore addominale ( 7% ), ipotensione posturale ( 7% ), faringite ( 7% ), aumento di peso ( 6% ).

Spesso il trattamento prolungato con farmaci antipsicotici può dar luogo a discinesia tardiva, crisi convulsive ed ipotensione ortostatica.

Gli antipsicotici, tra cui la Quetiapina, possono anche causare, seppur raramente, la sindrome maligna da neurolettici.
La sindrome è caratterizzata da rigidità muscolare, febbre e battiti irregolari.

Sono stati riportati anche casi di diabete mellito e di iperglicemia nel corso del trattamento con farmaci antipsicotici atipici, tra cui la Quetiapina.

Il trattamento con Quetiapina produce un sensibile aumento di peso, definito come un aumento dal basale del 7% o più.( Xagena2004 )


Fonte : Astra Zeneca


Farma2004 Psyche2004


Indietro