Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

Koselugo nel trattamento della neurofibromatosi di tipo 1 e dei neurofibromi plessiformi - Approvazione nell'Unione Europea per i pazienti pediatrici


Koselugo ( Selumetinib ) ha ottenuto l'approvazione condizionata dell’EMA ( European Medicines Agency ) per il trattamento dei neurofibromi plessiformi ( PN ) sintomatici e inoperabili nei pazienti pediatrici con neurofibromatosi di tipo 1 ( NF1 ) di 3 anni d'età o superiore.

L'approvazione della Commissione Europea si è basata sui risultati positivi dello studio di fase II SPRINT Stratum 1 sponsorizzato dal National Cancer Institute of Health ( NCI ) Cancer Therapy Evaluation Program ( CTEP ).
Lo studio ha dimostrato che Selumetinib diminuisce le dimensioni dei neurofibromi plessiformi inoperabili, riducendo il dolore e migliorando la qualità di vita.

Nello studio SPRINT Stratum 1 Selumetinib ha dimostrato un tasso di risposta obiettiva ( ORR ) del 66% ( 33 pazienti su 50, risposta parziale confermata ) nei pazienti pediatrici con neurofibromi plessiformi quando trattati con Selumetinib in monoterapia orale due volte al giorno.
Il tasso ORR è definito come la percentuale di pazienti con risposta completa ( scomparsa dei neurofibromi plessiformi ) o parziale ( riduzione del volume del tumore di almeno il 20% ).
I risultati dello studio sono stati pubblicati su The New England Journal of Medicine ( NEJM ).

Questa è la prima approvazione di un farmaco per i neurofibromi plessiformi correlati alla neurofibromatosi di tipo 1 nell'Unione Europea.

I dati di sicurezza ed efficacia dello studio di fase II SPRINT con un follow-up più lungo saranno forniti come una delle condizioni per ottenere l’approvazione incondizionata.

Attualmente, l’unica opzione di trattamento disponibile ad oggi per i pazienti pediatrici con neurofibromi plessiformi correlati alla neurofibromatosi di tipo 1 era rappresentata dalla chirurgia, dove percorribile.

La NF1 è una condizione genetica debilitante che colpisce 1 persona su 3.000 in tutto il mondo. Nel 30-50% dei casi di NF1, possono svilupparsi dei tumori dalle guaine nervose dei nervi periferici ( neurofibromi plessiformi ) che possono causare problemi clinici come deformazioni, compromissione motoria, dolore, compromissione delle vie aeree, problemi visivi e disfunzioni vescicali o intestinali.
In Italia 20.000 persone convivono con una diagnosi di neurofibromatosi.

La NF-1 è causata da una mutazione spontanea o ereditata nel gene NF1 ed è associata a molti sintomi, tra cui tumefazioni morbide che non causano particolari problemi sulla e sotto la pelle ( neurofibromi cutanei ) e pigmentazione della pelle ( macchie "café au lait" ).
Nel 30-50% delle persone, possono svilupparsi dei tumori dalle guaine nervose dei nervi periferici. Questi neurofibromi plessiformi possono causare problemi clinici come dolore, compromissione motoria, compromissione delle vie aeree, disfunzioni vescicali e intestinali e deformazioni, oltre ad avere il potenziale di trasformarsi in tumori maligni delle guaine dei nervi periferici.
I neurofibromi plessiformi iniziano a svilupparsi durante la prima infanzia, con vari gradi di severità, e possono ridurre la speranza di vita da 8 a 15 anni.

Selumetinib è un inibitore delle chinasi della proteina chinasi attivata dal mitogeno 1 e 2 ( MEK1/2 ).
MEK1/2 sono proteine che regolano a monte la via della chinasi legata al segnale extracellulare ( ERK ). Sia MEK che ERK sono componenti critici della via RAF-MEK-ERK regolata da RAS, che è spesso attivata in diversi tipi di cancro. ( Xagena2021 )

Fonte: AstraZeneca, 2021

Neuro2021 MalRar2021 Med2021 Onco2021 Pedia2021 Farma2021


Indietro