Farmaexplorer.it
XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa

L' FDA ha approvato Retevmo, la prima terapia per i pazienti con carcinoma polmonare e tiroideo con mutazione o fusione nel gene RET


La Food and Drug Administration ( FDA ) statunitense ha approvato Retevmo ( Selpercatinib ) per il trattamento per os di tre tipi di tumori: carcinoma polmonare non-a-piccole cellule, carcinoma midollare della tiroide e altri tipi di carcinoma tiroideo, nei pazienti i cui tumori presentano una alterazione ( mutazione o fusione ) nel gene RET ( REarranged during Transfection ).
Retevmo è la prima terapia approvata specificamente per i malati oncologici con alterazioni del gene RET.

In particolare, i tumori approvati per il trattamento con Retevmo comprendono: a) carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) con diffusione negli adulti; b) carcinoma tiroideo midollare avanzato ( MTC ) o MTC che si è diffuso, nei pazienti di età pari o superiore a 12 anni che richiedono una terapia sistemica; c) carcinoma tiroideo avanzato positivo alla fusione con RET nelle persone di età pari o superiore a 12 anni che richiedono una terapia sistemica dopo fallimento della terapia con Iodio radioattivo o in cui la terapia con Iodio radioattivo non è appropriata.

Retevmo è un inibitore della chinasi, ed agisce bloccando un enzima, la chinasi, prevenendo la crescita delle cellule tumorali.
Prima di iniziare il trattamento, l'identificazione di una alterazione del gene RET deve essere determinata mediante test di laboratorio.

L' FDA ha approvato Retevmo in base ai risultati di una sperimentazione clinica che ha coinvolto pazienti con uno di tre tipi di tumori.
Durante la sperimentazione clinica, i pazienti hanno ricevuto 160 mg di Selpercatinib per via orale due volte al giorno fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.
Le principali misure di esito di efficacia erano il tasso di risposta globale ( ORR ) e la durata della risposta ( DOR ).

L'efficacia nel carcinoma al polmone non-a-piccole cellule è stata valutata in 105 pazienti adulti con tumore NSCLC positivo alla fusione RET precedentemente trattati con chemioterapia a base di Platino. Il tasso ORR per i 105 pazienti è stato pari a 64%. Per l'81% dei pazienti che hanno avuto una risposta al trattamento, la risposta è durata almeno 6 mesi.
L'efficacia è stata inoltre valutata in 39 pazienti con tumore NSCLC positivo alla fusione RET che non erano mai stati sottoposti a trattamento. L'ORR per questi pazienti è stato dell'84%. Per il 58% dei pazienti che hanno presentato una risposta al trattamento, la risposta è durata almeno 6 mesi.

L'efficacia nel carcinoma midollare della tiroide negli adulti e nei pazienti pediatrici è stata valutata in quei 12 anni e più con tumore mutato nel gene RET.
Lo studio ha arruolato 143 pazienti con tumore midollare tiroideo RET-mutato avanzato o metastatico che erano stati precedentemente trattati con Cabozantinib, Vandetanib o entrambi e pazienti con carcinoma midollare tiroideo RET-mutato avanzato o metastatico che non avevano ricevuto un trattamento precedente con Cabozantinib o Vandetanib. Il tasso ORR per i 55 pazienti precedentemente trattati è stato del 69%. Per il 76% dei pazienti che hanno avuto una risposta al trattamento, la risposta è durata almeno sei mesi. L'efficacia è stata anche valutata in 88 pazienti che non erano stati precedentemente trattati con una terapia approvata per il carcinoma midollare tiroideo. Il tasso ORR per questi pazienti è stato del 73%. Per il 61% dei pazienti con una risposta al trattamento, la risposta è durata almeno 6 mesi.

L'efficacia nel carcinoma tiroideo positivo alla fusione di RET è stata valutata negli adulti e nei pazienti pediatrici di età pari o superiore a 12 anni. Lo studio ha arruolato 19 pazienti con carcinoma tiroideo positivo alla fusione di RET che erano refrattari allo Iodio radioattivo ( RAI [ radioactive iodine ], se opzione terapeutica appropriata ) e avevano ricevuto un altro trattamento sistemico in precedenza, e 8 pazienti con carcinoma tiroideo positivo alla fusione del gene RET che erano refrattari a RAI e non avevano ricevuto alcuna terapia aggiuntiva. Il tasso ORR per i 19 pazienti precedentemente trattati è stato del 79%. Per l'87% dei pazienti responder al trattamento, la risposta è durata almeno 6 mesi.
L'efficacia è stata anche valutata in 8 pazienti che non avevano ricevuto terapia diversa da RAI. Il tasso ORR per questi pazienti è stato del 100%. Per il 75% dei pazienti che hanno avuto una risposta al trattamento, la risposta è durata almeno 6 mesi.

Gli effetti indesiderati più comuni di Retevmo sono stati: aumento degli enzimi aspartato aminotransferasi ( AST ) e alanina aminotransferasi ( ALT ) a livello epatico, iperglicemia, diminuzione della conta dei leucociti, diminuzione dell'albumina nel sangue, diminuzione del calcio nel sangue, secchezza delle fauci, diarrea, aumento della creatinina, aumento della fosfatasi alcalina, ipertensione, affaticamento, gonfiore in diverse parti del corpo o degli arti, basso numero di piastrine nel sangue, aumento del colesterolo, eruzione cutanea, costipazione e diminuzione del sodio nel sangue.

Retevmo può causare danni al feto o al neonato. Gli operatori sanitari devono avvisare le donne in gravidanza di questo rischio e consigliare sia le persone di sesso femminile con potenziale riproduttivo sia i pazienti maschi con partner femminili con potenziale riproduttivo di far uso di una efficace contraccezione durante il trattamento con Retevmo e per una settimana dopo l'ultima dose.
Inoltre, le donne non devono allattare durante il trattamento con Retevmo.

Retevmo è stato approvato mediante un iter di approvazione accelerata, che prevede l'approvazione dei farmaci che trattano malattie gravi o potenzialmente letali e generalmente forniscono un vantaggio significativo rispetto ai trattamenti esistenti.
La FDA ha anche concesso al farmaco la designazione di Priority Review e di Breakthrough Therapy ( terapia fortemente innovativa ).
Inoltre, Retevmo ha ricevuto la designazione di farmaco orfano. ( Xagena2020 )

Fonte: FDA, 2020

Onco2020 Pneumo2020 Endo2020 Farma2020


Indietro