Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

La Commissione Europea ha approvato Entyvio per il trattamento della pouchite cronica attiva


La Commissione Europea ha rilasciato l'autorizzazione all'immissione in commercio per la formulazione endovenosa ( IV ) di Entyvio ( Vedolizumab ) per il trattamento dei pazienti adulti con pouchite cronica attiva, forma moderata-grave, sottoposti a proctocolectomia con anastomosi ileo-pouch-anale ( IPAA ) per la colite ulcerosa ( UC) e con risposta inadeguata o che avevano perso la risposta alla terapia antibiotica.

Entyvio è il primo trattamento indicato per la pouchite cronica attiva nell'Unione Europea.

L'approvazione della Commissione Europea si è basata sullo studio EARNEST che ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Vedolizumab per via endovenosa nel trattamento della pouchite cronica attiva.
Inoltre, nella domanda sono state incluse anche le informazioni provenienti da una serie di studi retrospettivi che hanno indicato che Vedolizumab può avere un impatto positivo sui pazienti con infiammazione della tasca.

L'IPAA, nota anche come chirurgia J-pouch, è una procedura utilizzata per aiutare i pazienti a cui è stato rimosso il colon e il retto ( proctocolectomia ) a far transitare normalmente le feci.
La pouchite è una comune complicanza dopo proctocolectomia con IPAA nei pazienti con colite ulcerosa con un tasso di incidenza riportato tra il 23% e il 59%, con un impatto significativo sulla qualità di vita.
La pouchite cronica, che colpisce il 10-15% dei pazienti con pouchite a livello globale, non risponde adeguatamente alla terapia antibiotica e può causare urgenza fecale, incontinenza, sforzo durante la defecazione, sanguinamento, disagio addominale o pelvico, febbre e malessere.

EARNEST è uno studio multicentrico, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, che ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Vedolizumab per via endovenosa nel trattamento di 102 pazienti adulti con colite ulcerosa che erano stati sottoposti a proctocolectomia e IPAA e avevano sviluppato pouchite cronica attiva, definita come pazienti con risposta inadeguata o che hanno perso la risposta alla terapia antibiotica.
Lo studio EARNEST ha raggiunto il suo endpoint primario di remissione clinica alla settimana 14.
Misurati utilizzando l'indice mPDAI ( modified Pouchitis Disease Activity Index ), i tassi di remissione clinica sono stati del 31.4% ( IC 95%: 19.1% - 45.9% ) nei pazienti nel braccio Vedolizumab IV ( n=51 ), contro il 9.8% ( IC 95%: 3.3% - 21.4% ) nel braccio placebo ( n=51 ) ( p=0.013 ).
I risultati sulla sicurezza erano in linea con l'uso generale di Vedolizumab.
Gli eventi avversi sono stati riportati in 47 ( 92.2% ) e 44 ( 86.3% ) pazienti trattati rispettivamente con Vedolizumab e placebo.
Reazioni avverse correlate al trattamento ( valutate dallo sperimentatore ) sono state riportate in 12 ( 23.5% ) e 11 ( 21.6% ) dei pazienti trattati rispettivamente con Vedolizumab e placebo.
Gravi effetti avversi sono stati riportati in 3 ( 5.9% ) e 4 ( 7.8% ) pazienti trattati rispettivamente con Vedolizumab e placebo.

Vedolizumab è un biologico selettivo per l'intestino ed è approvato sia in formulazioni endovenose ( IV ) che sottocutanee ( SC ).
La formulazione SC è attualmente approvata solo in Europa, Canada, Australia e Svizzera.
Vedolizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato progettato per antagonizzare specificamente l'integrina alfa4beta7, inibendo il legame dell'integrina alfa4beta7 alla molecola di adesione cellulare MAdCAM-1, ma non alla molecola di adesione cellulare VCAM-1.
MAdCAM-1 è espresso preferenzialmente sui vasi sanguigni e sui linfonodi del tratto gastrointestinale.
L'integrina alfa4beta7 è espressa su un sottogruppo di linfociti circolanti. È stato dimostrato che queste cellule svolgono un ruolo nella mediazione del processo infiammatorio nella colite ulcerosa e nel morbo di Crohn. Inibendo l'integrina alfa4beta7, Vedolizumab può limitare la capacità di alcuni linfociti di infiltrarsi nei tessuti intestinali.

Vedolizumab è approvato per il trattamento dei pazienti adulti con colite ulcerosa attiva da moderata a grave e con morbo di Crohn, che hanno presentato una risposta inadeguata, hanno perso la risposta o non tolleravano la terapia convenzionale o il trattamento con gli antagonisti del fattore di necrosi tumorale-alfa ( TNF-alfa ). ( Xagena2022 )

Fonte: Takeda, 2022

Gastro2022 Chiru2022 Farma2022


Indietro