Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it

La Commissione europea ha approvato Tecentriq in associazione ad Abraxane per le persone con carcinoma mammario triplo negativo metastatico positivo a PD-L1


La Commissione Europea ha approvato Tecentriq ( Atezolizumab ) più la chemioterapia (Abraxane [ particelle di Paclitaxel legate alla proteina albumina per sospensione iniettabile; nab-Paclitaxel ] ) per il trattamento dei pazienti adulti con carcinoma mammario triplo negativo ( TNBC ) localmente avanzato non-resecabile, i cui tumori presentano espressione di PD-L1 ( maggiore o uguale all'1% ) e che non hanno ricevuto, in precedenza, chemioterapia per malattia metastatica.

Il saggio VENTANA PD-L1 ( SP142 ) è disponibile in commercio nell'Unione Europea come ausilio per identificare i pazienti con carcinoma alla mammella triplo negativo idonei al trattamento con la combinazione a base di Tecentriq.

Questa approvazione si basa sui risultati dello studio IMpassion130 di fase III.

I risultati di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) hanno dimostrato un beneficio statisticamente significativo per Atezolizumab in associazione a nab-Paclitaxel e hanno dimostrato che Atezolizumab più nab-Paclitaxel ha ridotto significativamente il rischio di peggioramento della malattia o di mortalità ( PFS ) del 38% rispetto al solo nab-Paclitaxel ( PFS mediana = 7.5 vs 5 mesi; hazard ratio [HR] = 0.62, IC 95%: 0.49-0.78, p inferiore a 0.0001 ) in persone che sono state testate positive per l'espressione di PD-L1 su cellule immunitarie infiltranti il ​​tumore.
Alla seconda analisi intermedia, Atezolizumab e nab-Paclitaxel hanno mostrato un miglioramento clinicamente significativo della sopravvivenza globale ( OS ) di 7 mesi rispetto al placebo e nab-Paclitaxel nella popolazione positiva per PD-L1 ( OS mediano = 25.0 vs 18.0 mesi; HR = 0.71 , IC al 95%: 0.54-0.93 ).
I risultati complessivi di sopravvivenza nella popolazione positiva per PD-L1 non sono stati testati formalmente a causa del disegno gerarchico dello studio in quanto non è stata raggiunta la rilevanza statistica per la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat ( ITT ) ( OS mediana = 21.0 vs 18.7 mesi; FC = 0.86, IC al 95%: 0.72–1.02, p = 0.078 ).

La valutazione di PD-L1 sulle cellule immunitarie infiltranti il ​​tumore è essenziale per identificare i pazienti con tumore al seno triplo negativo che beneficiano di questa combinazione di Atezolizumab.

La sicurezza nel braccio Atezolizumab più nab-Paclitaxel è risultata coerente con i profili di sicurezza noti dei singoli medicinali e non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza con la combinazione.
La natura e l'incidenza degli eventi avversi gravi e degli eventi avversi di grado 3-4 erano coerenti con i profili di sicurezza noti dei singoli farmaci in studio o della malattia di base.
Sono stati segnalati eventi avversi gravi nel 23% delle persone che hanno ricevuto Atezolizumab più nab-Paclitaxel rispetto al 18% delle persone che hanno ricevuto solo la chemioterapia.
Sono stati segnalati eventi avversi di grado 3-4 nel 49% delle persone che hanno ricevuto Atezolizumab più nab-Paclitaxel rispetto al 42% delle persone che hanno ricevuto solo la chemioterapia.

Lo studio IMpassion130 è uno studio di fase III, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco che valuta l'efficacia, la sicurezza e la farmacocinetica di Atezolizumab più nab-Paclitaxel rispetto al placebo più nab-Paclitaxel in soggetti con tumore alla mammella triplo negativo non-resecabile localmente avanzato o metastatico che non hanno ricevuto in precedenza terapia sistemica per carcinoma mammario metastatico.
Lo studio ha arruolato 902 persone che sono state randomizzate secondo un rapporto 1:1.
Gli endpoint co-primari sono la sopravvivenza libera da progressione secondo valutazione dello sperimentatore ( RECIST 1.1 ) e la sopravvivenza globale nella popolazione ITT e nella popolazione PD-L1-positiva.
Gli endpoint secondari includono il tasso di risposta oggettivo ( ORR ) e la durata della risposta ( DoR ).

Il cancro al seno è il tumore più comune tra le donne con oltre 2 milioni di diagnosi in tutto il mondo ogni anno.
Il cancro al seno triplo negativo rappresenta circa il 15% di tutti i tumori mammari ed è più comune nelle donne di età inferiore ai 50 anni, rispetto ad altre forme di tumore al seno.
È definito dalla mancanza di espressione e/o amplificazione dei recettori bersaglio per estrogeni, progesterone e amplificazione di HER.
I pazienti con carcinoma mammario triplo negativo metastatico generalmente presentano una rapida progressione e una sopravvivenza globale più breve rispetto ad altri sottotipi di carcinoma alla mammella. ( Xagena2019 )

Fonte: Roche, 2019

Gyne2019 Onco2019 Farma2019


Indietro