Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

La FDA ha approvato Darzalex Faspro in combinazione con Pomalidomide / Desametasone come terapia per alcuni pazienti con mieloma multiplo pretrattato


L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Admnistration ) ha concesso l'approvazione a Darzalex Faspro ( Daratumumab + Ialuronidasi-fihj [ Ialuronidasi ] ), una formulazione sottocutanea in combinazione con Pomalidomide ( Pomalyst ) / Desametasone per i pazienti con mieloma multiplo che hanno ricevuto almeno 1 linea di terapia, in precedenza, tra cui Lenalidomide e un inibitore del proteasoma.

La formulazione sottocutanea di Daratumumab è co-formulata con la tecnologia di somministrazione del farmaco Enhanze di Halozyme, costituita da Ialuronidasi umana ricombinante PH20 ( rHuPH20 ).

L'approvazione è basata sui risultati dello studio di fase 3 APOLLO.

Gli studi clinici tra cui APOLLO hanno continuato a dimostrare la capacità dei regimi di trattamento combinato a base di Daratumumab di ridurre significativamente il rischio di progressione nei pazienti con mieloma multiplo.
L'approvazione permette di combinare Pomalidomide e Desametasone con una opzione sottocutanea di Daratumumab che può essere somministrata in pochi minuti anziché ore ( somministrazione per via endovenosa ).

Nello studio multicentrico, in aperto, i pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere Daratumumab più Pomalidomide e Desametasone ( D-Pd; n = 151 ) o solo Pd ( n = 153 ).
Il regime D-Pd consisteva in 1800 mg di Daratumumab per via sottocutanea ogni settimana per i cicli 1 e 2, bisettimanali per i cicli da 3 a 6 e ogni 4 settimane per il ciclo 7 e oltre; 4 mg di Pomalidomide nei giorni da 1 a 21 di ciascun ciclo; e 40 mg di Desametasone nei giorni 1, 8, 15 e 22 di ciascun ciclo e 20 mg per i pazienti di età pari o superiore a 75 anni.
La durata mediana della somministrazione sottocutanea è stata di 5 minuti ( intervallo, 1-22 ).

L'aggiunta di Daratumumab sottocutaneo ha ridotto significativamente il rischio di progressione o morte del 37% rispetto alla sola Pomalidomide nei pazienti con mieloma multiplo recidivato / refrattario che avevano ricevuto, in precedenza, almeno una linea di terapia ( HR, 0.63; IC 95%, 0.47-0.85; P a 2 code = 0.0018 ).
La corrispondente sopravvivenza mediana libera da progressione nei gruppi è stata pari a 12.4 mesi ( IC 95%, 8.3-19.3 ) versus 6.9 mesi ( 5.5-9.3 ).

Allo stesso modo, il tasso di risposta obiettiva con D-Pd ( 69% ) è risultato più alto rispetto al gruppo Pomalidomide ( 46%; odds ratio, OR=2.68; IC 95%, 1.65-4.35; P inferiore a 0.0001 ).
Anche i tassi di risposta completa per il regime Daratumumab sono stati segnalati come superiori rispetto alla sola Pomalidomide, rispettivamente del 24.5% versus 3.9%.

Dopo un follow-up mediano di 16.9 mesi, 99 pazienti ( 33% ) nello studio erano deceduti.
Il rischio di morte è diminuito del 9% con il regime D-Pd ( HR, 0.91; IC 95%, 0.61-1.35 ); tuttavia, i dati sulla sopravvivenza erano immaturi al momento della raccolta dei dati, e il follow-up è in corso.

Il profilo di sicurezza del regime D-Pd era coerente con il suo profilo noto, con eventi avversi comuni di grado 3/4 versus Pomalidomide, tra cui neutropenia ( 68% vs 51%, rispettivamente ), leucopenia ( 17% vs 5% ), linfopenia ( 12% vs 3% ), neutropenia febbrile ( 9% vs 3% ) e polmonite ( 13% vs 7% ).

I tassi di interruzione del trattamento in studio a causa di eventi avversi emergenti dal trattamento sono stati simili per entrambi i bracci ( 2% vs 3%, rispettivamente ).
La ragione più comune per l'interruzione del trattamento è stata la progressione della malattia.
Il tasso delle reazioni correlate all'infusione con la formulazione sottocutanea è apparsa bassa ( grado 1/2, 6% ) e solo il 2% dei pazienti ha avuto una reazione locale al sito di iniezione. ( Xagena2021 )

Fonte: FDA, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro