Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Leucemia linfatica cronica: Calquence approvato nell'Unione Europea


Calquence ( Acalabrutinib ), un inibitore selettivo della tirosin chinasi di Bruton ( BTK ) di nuova generazione, è stato approvato nell'Unione Europea ( UE ) per il trattamento dei pazienti adulti con leucemia linfatica ( linfocitica ) cronica ( CLL ).

Acalabrutinib si lega covalentemente a BTK, inibendone così l'attività. Nelle cellule B, la segnalazione BTK determina l'attivazione dei percorsi necessari per la proliferazione, il traffico, la chemiotassi e l'adesione delle cellule B.

L'approvazione da parte della Commissione Europea ( CE ) si è basata sui risultati positivi di due studi clinici di fase III, ELEVATE-TN, in pazienti con leucemia linfatica cronica precedentemente non-trattata e ASCEND in pazienti con leucemia linfatica cronica recidivata o refrattaria.

Nello studio ELEVATE-TN, Acalabrutinib in combinazione con Obinutuzumab e in monoterapia ha ridotto il rischio di progressione della malattia o morte rispettivamente del 90% e dell'80%, rispetto al trattamento chemioimmunoterapico standard Clorambucile più Obinutuzumab, in pazienti con leucemia linfatica cronica precedentemente non-trattata.
Nello studio ASCEND, l'88% dei pazienti con leucemia linfatica cronica recidivata o refrattaria che assumevano Acalabrutinib è rimasto vivo e libero da progressione della malattia dopo 12 mesi rispetto al 68% dei pazienti in trattamento con Rituximab in associazione con Idelalisib o Bendamustina.

I dati dei risultati intermedi degli studi sono stati pubblicati rispettivamente su The Lancet e su Journal of Clinical Oncology.

Studio ELEVATE-TN

ELEVATE-TN era uno studio randomizzato, multicentrico, in aperto, che ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Acalabrutinib in combinazione con Obinutuzumab, un anticorpo monoclonale anti-CD20, oppure Acalabrutinib da solo contro Clorambucile, una chemioterapia, in combinazione con Obinutuzumab in pazienti precedentemente non-trattati con leucemia linfatica cronica.
Sono stati arruolati pazienti di età pari o superiore a 65 anni o di età compresa tra 18 e 65 anni con un punteggio alla scala CIRS ( Cumulative Illness Rating Scale ) totale superiore a 6 o con una clearance della creatinina compresa tra 30 e 69 ml/min.

Nello studio, 535 pazienti sono stati randomizzati ( rapporto: 1:1:1 ) a tre bracci. I pazienti nel primo braccio hanno ricevuto Clorambucile in combinazione con Obinutuzumab. I pazienti nel secondo braccio sono stati trattati con Acalabrutinib ( 100 mg ogni 12 ore fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile ) in combinazione con Obinutuzumab. I pazienti nel terzo braccio hanno ricevuto la monoterapia con Acalabrutinib ( 100 mg ogni 12 ore fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nel braccio Acalabrutinib e Obinutuzumab rispetto al braccio Clorambucile e Obinutuzumab, valutata da un Comitato di revisione indipendente ( IRC ); un endpoint secondario chiave era la sopravvivenza libera da progressione valutata dal Comitato IRC nel braccio monoterapia con Acalabrutinib rispetto al braccio Clorambucile e Obinutuzumab.
Altri endpoint secondari includevano il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), il tempo al trattamento successivo e la sopravvivenza globale ( OS ).

Studio ASCEND

ASCEND era uno studio globale, randomizzato, multicentrico, in aperto, che ha valutato l'efficacia di Acalabrutinib nei pazienti con leucemia linfatica cronica recidivata o refrattaria.
310 pazienti sono stati randomizzati ( rapporto, 1:1 ) a due bracci.
I pazienti nel primo braccio hanno ricevuto la monoterapia con Acalabrutinib ( 100 mg due volte al giorno fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile ).
I pazienti nel secondo braccio hanno ricevuto la scelta dello sperimentatore costituita da Rituximab, un anticorpo monoclonale anti-CD20, in combinazione con Idelalisib, un inibitore PI3K, oppure Rituximab in combinazione con Bendamustina, una chemioterapia.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata da un Comitato IRC e gli endpoint secondari chiave includevano la sopravvivenza libera da progressione valutata dal medico, il tasso di risposta globale valutato dal Comitato IRC e dal medico e la durata della risposta, nonché la sopravvivenza globale, gli esiti riportati dai pazienti e il tempo per il trattamento successivo. ( Xagena2020 )

Fonte: AstraZeneca, 2020

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro