Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

L'FDA ha approvato Truseltiq per il colangiocarcinoma metastatico


La Food and Drug Administration ( FDA ) ha concesso l'approvazione accelerata a Truseltiq ( Infigratinib ), un inibitore della chinasi per adulti con colangiocarcinoma localmente avanzato o metastatico precedentemente trattato, non-resecabile con fusione del recettore del fattore di crescita dei fibroblasti 2 ( FGFR2 ) o altro riarrangiamento come rilevato da un test approvato dalla FDA.

L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti ha anche approvato FoundationOne CDx per la selezione dei pazienti con fusione FGFR2 o altro riarrangiamento come dispositivo diagnostico complementare per il trattamento con Infigratinib.

L'efficacia è stata dimostrata in CBGJ398X2204, uno studio multicentrico, in aperto, a braccio singolo, che ha arruolato 108 pazienti con colangiocarcinoma precedentemente trattato, non-resecabile localmente avanzato o metastatico con fusione o riarrangiamento di FGFR2 come determinato da test locali o centrali.
I pazienti hanno ricevuto Infigratinib 125 mg per via orale una volta al giorno per 21 giorni consecutivi seguiti da 7 giorni di sospensione della terapia, in cicli di 28 giorni, fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.

Le principali misure di esito dell'efficacia erano il tasso di risposta globale ( ORR ) e la durata della risposta ( DoR ), come determinato dalla revisione centrale indipendente in cieco secondo i criteri RECIST 1.1.

Il tasso ORR è stato pari al 23% ( IC 95%: 16, 32 ), con 1 risposta completa e 24 risposte parziali.
La durata DoR mediana è stata di 5 mesi ( IC 95%: 3.7, 9.3 ).
Tra i 23 responder, 8 pazienti hanno mantenuto la risposta per 6 mesi o più.

Le reazioni avverse più comuni ( incidenza 20% o più ) sono state: iperfosfatemia, aumento della creatinina, tossicità a carico delle unghie, stomatite, secchezza oculare, affaticamento, alopecia, sindrome da eritrodisestesia palmo-plantare, artralgia, disgeusia, costipazione, dolore addominale, secchezza delle fauci, alterazioni delle ciglia, diarrea, pelle secca, diminuzione dell'appetito, visione offuscata e vomito.
I rischi gravi hanno riguardato: l'iperfosfatemia e il distacco dell'epitelio del pigmento retinico; viene raccomandato il monitoraggio di queste reazioni avverse durante il trattamento.

La dose raccomandata di Infigratinib è di 125 mg per via orale una volta al giorno a stomaco vuoto per 21 giorni consecutivi seguiti da 7 giorni senza terapia, in cicli di 28 giorni. ( Xagena2021 )

Fonte: FDA, 2021

Gastro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro