Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

Libtayo in monoterapia per i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule avanzato di prima linea con espressione di PD-L1 del 50% o più, approvato dalla FDA


L'Agenzia statunitense FDA ( US Food and Drug Administration ) ha approvato l'inibitore di PD-1 Libtayo ( Cemiplimab-rwlc; Cemiplimab ) per il trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato i cui tumori hanno una elevata espressione di PD-L1 ( punteggio della proporzione tumorale [ TPS ] 50% o più ), come determinato da un test approvato dalla FDA.
Per essere trattati con Libtayo i pazienti devono avere tumori metastatici o localmente avanzati, e non essere candidati alla resezione chirurgica o alla chemioradioterapia definitiva, e i tumori non devono presentare aberrazioni EGFR, ALK o ROS1.

I dati a sostegno dell'approvazione di Libtayo si basano su una analisi di 710 pazienti, randomizzati a ricevere il trattamento, in uno studio di fase 3; i pazienti idonei dovevano avere un'espressione di PD-L1 del 50% o più.
In questa popolazione di pazienti, Libtayo ha ridotto il rischio di morte del 32% rispetto alla chemioterapia.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 22.1 mesi ( IC 95%: 17.7 - NE [ non-definito ] ) per i pazienti nel braccio Cemiplimab rispetto a 14.3 mesi ( IC 95%: 11.7 - 19.2 ) nel braccio chemioterapico ( hazard ratio, HR=0.68; IC 95%: 0.53 - 0.87, p = 0.0022 ).
La sopravvivenza mediana libera da progressione secondo BICR è stata di 6.2 mesi ( 4.5, 8.3 ) nel braccio Cemiplimab e di 5.6 mesi ( 4.5, 6.1 ) nel braccio chemioterapico ( HR 0.59; IC 95%: 0.49, 0.72, p inferiore a 0.0001 ).
Il tasso di risposta globale confermato ( ORR ) secondo BICR è stato del 37% ( IC 95%: 32, 42 ) e del 21% ( IC 95%: 17, 25 ), rispettivamente nei bracci Cemiplimab e chemioterapia.

A causa di problemi con i test PD-L1, è stata eseguita un'ulteriore analisi prespecificata in 563 pazienti con dimostrata espressione di PD-L1 superiore o uguale al 50%, secondo il test approvato dalla FDA.
Questa analisi ha dimostrato che Libtayo ha ridotto il rischio di morte del 43% rispetto alla chemioterapia.

La sicurezza è stata valutata in 355 pazienti nel gruppo Libtayo ( durata mediana dell'esposizione: 27 settimane; range: da 9 giorni a 115 settimane ) e 342 pazienti nel gruppo chemioterapico ( durata mediana dell'esposizione: 18 settimane; range: da 18 giorni a 87 settimane ).
Le reazioni avverse che si sono verificate più comunemente nel gruppo Libtayo, e in almeno il 10% dei pazienti sono state: eruzione cutanea ( 15% Libtayo, 6% chemioterapia ) e tosse ( 11% Libtayo, 8% chemioterapia ).
Le reazioni avverse gravi più frequenti in almeno il 2% dei pazienti sono state polmonite per cause infettive ( 5% Libtayo, 6% chemioterapia ) e polmonite non-infettiva ( 2% Libtayo, 0% chemioterapia ).

Il trattamento è stato interrotto definitivamente a causa di reazioni avverse nel 6% dei pazienti con Libtayo; le reazioni avverse che hanno determinato l'interruzione permanente in almeno 2 pazienti sono state: polmonite per cause infettive, polmonite non-infettiva, ictus ischemico e aumento dell'aspartato aminotransferasi.

Non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza per Libtayo.

Lo studio di fase 3, in aperto, randomizzato, multicentrico, denominato EMPOWER-Lung 1, era stato progettato per studiare il trattamento di prima linea della monoterapia con Libtayo rispetto alla chemioterapia con doppio Platino nei pazienti con tumore NSCLC avanzato, positivo per PD-L1 nel 50% o più delle cellule tumorali, e senza aberrazioni EGFR, ALK o ROS1.
L'espressione di PD-L1 è stata confermata utilizzando il kit Dako PD-L1 IHC 22C3 pharmDx di Agilent.
Gli endpoint primari erano la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione, e gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta globale, la durata della risposta e la qualità di vita.
Lo studio ha randomizzato 710 pazienti con tumore NSCLC metastatico ( stadio IV ) precedentemente non-trattato oppure tumore NSCLC localmente avanzato ( stadio IIIB/C ) non-candidati alla resezione chirurgica o alla chemioradioterapia definitiva o che avevano progredito dopo il trattamento con chemioradioterapia definitiva.
I pazienti arruolati includevano quelli con caratteristiche di malattia spesso sottorappresentate negli studi registrativi avanzati sul tumore NSCLC. Tra questi, il 12% aveva metastasi cerebrali pretrattate e clinicamente stabili e il 16% presentava tumore NSCLC localmente avanzato non-candidato per la chemioradioterapia definitiva.
Era permesso ai pazienti la cui malattia progrediva nel corso dello studio di cambiare la terapia: quelli assegnati alla chemioterapia sono stati autorizzati a passare al trattamento con Libtayo a seguito della progressione della malattia, mentre quelli assegnati alla monoterapia con Libtayo sono stati autorizzati a combinare il trattamento a base di Libtayo con 4 a 6 cicli di chemioterapia a seguito della progressione della malattia. C'è stato un tasso di crossover superiore al 70% a Libtayo a seguito della progressione della malattia nel gruppo chemioterapia.

Cemiplimab è un anticorpo monoclonale completamente umano mirato al recettore del checkpoint immunitario PD-1 sui linfociti T. Legandosi a PD-1, è stato dimostrato che Cemiplimab impedisce alle cellule tumorali di utilizzare il percorso PD-1 per sopprimere l'attivazione dei linfociti T.

In tutte le indicazioni approvate, la dose raccomandata di Libtayo è di 350 mg somministrati come infusione endovenosa nell'arco di 30 minuti ogni tre settimane, fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.
Libtayo è disponibile come flaconcino monodose da 350 mg.

Il carcinoma polmonare è la principale causa di morte per cancro in tutto il mondo. Nel 2020, si stima che 2.2 milioni e 225.000 nuovi casi sono stati diagnosticati, rispettivamente, in tutto il mondo e negli Stati Uniti.
Circa l'84% di tutti i tumori polmonari sono tumori non-a-piccole cellule, con il 75% di questi casi diagnosticati in stadi avanzati, e si stima che dal 25% al 30% dei casi risultino positivi per PD-L1 in una percentuale maggiore o uguale al 50% delle cellule tumorali. ( Xagena2021 )

Fonte: Regeneron & Sanofi, 2021

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro