Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter

Linfoma di Hodgkin classico in recidiva o refrattario dopo trapianto autologo di cellule staminali e trattamento con Brentuximab vedotin: approvato Opdivo nell’Unione Europea


La Commissione Europea ha approvato Opdivo ( Nivolumab ) per il trattamento dei pazienti adulti con linfoma di Hodgkin classico ( cHL ) in recidiva o refrattario dopo trapianto autologo di cellule staminali ( ASCT ) e trattamento con Brentuximab vedotin ( Adcetris ).
Nivolumab è il primo inibitore di PD-1 approvato per una neoplasia ematologica nell’Unione Europea ( EU ).

L’approvazione si basa su un’analisi integrata dei dati dello studio di fase II, CheckMate -205, e dello studio di fase I, CheckMate -039, che hanno valutato pazienti con linfoma di Hodgkin classico in recidiva o refrattario dopo trapianto autologo di cellule staminali e trattamento con Brentuximab vedotin.

Nel gruppo di pazienti ( n=95 ) valutati nell’analisi di efficacia, l’endpoint primario misurato come tasso di risposta obiettiva ( ORR ), valutato da un Comitato indipendente di revisione radiologica, è stato pari al 66% ( IC 95%: 56 - 76; 63/95 pazienti ).

La percentuale di pazienti con risposta completa è stata pari al 6% ( IC 95%: 2 - 13; 6/95 pazienti ) e quelli con risposta parziale erano il 60% ( IC 95%: 49 - 70; 57/95 pazienti ).

A 12 mesi, il tasso di sopravvivenza libera da progressione è stato pari al 57% ( IC 95%: 45 – 68 ).

Nivolumab è associato ad avvertenze e precauzioni d’impiego che includono anche eventi immunologici: polmonite, colite, epatite, nefrite e disfunzione renale, endocrinopatie, rash e altre reazioni avverse, reazioni all’infusione e complicanze dopo trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ) nel linfoma di Hodgkin classico dopo Nivolumab.

Nell’analisi integrata dei dati degli studi CheckMate -205 e CheckMate -039, il tempo mediano alla risposta è stato di 2 mesi ( range: 0.7 – 11.1 ) e, tra i pazienti rispondenti, la durata della risposta era mantenuta nel tempo per una mediana di 13.1 mesi ( IC 95%: 9.5 - NE; range: 0.0+, 23.1+ ).
La stabilizzazione della malattia è stata osservata nel 23% dei pazienti.

In un’analisi post-hoc degli 80 pazienti nella coorte B dello studio CheckMate -205, 37 non avevano risposto al precedente trattamento con Brentuximab vedotin. Tra questi 37 pazienti, il trattamento con Nivolumab ha portato a un tasso di risposta obiettiva pari al 59.5% ( 22/37 pazienti ) e a una durata mediana della risposta di 13.14 mesi.

La sicurezza di Nivolumab nel linfoma di Hodgkin classico è stata valutata in 263 pazienti adulti inclusi negli studi CheckMate -205 ( n=240 ) e CheckMate -039 ( n=23 ).
Nella popolazione totale valutata nell’analisi di sicurezza ( n=263 ), gravi eventi avversi si sono manifestati nel 21% dei pazienti. I più comuni gravi eventi avversi ( riportati in almeno l’1% dei pazienti ) erano reazioni correlate all’infusione, infezione polmonare, versamento pleurico, piressia, rash e polmonite.
Gli eventi avversi più comuni ( riportati in almeno il 20% dei pazienti ) erano: affaticamento ( 32% ), infezione del tratto respiratorio superiore ( 28% ), piressia ( 24% ), diarrea ( 23% ) e tosse ( 22% ).
Il 23% dei pazienti ha dovuto ritardare la somministrazione della dose per la comparsa di un evento avverso e il 4.2% dei pazienti ha interrotto il trattamento a causa di un evento avverso.
Sei pazienti su 40 sono deceduti per complicanze correlate al trapianto allogenico dopo il trattamento con Nivolumab e questi 40 pazienti sono stati seguiti per un follow-up mediano di 2.9 mesi ( range: 0 – 22 ) successivamente al trapianto allogenico.

Il linfoma di Hodgkin, noto anche come malattia di Hodgkin, è un tumore che origina dai linfociti, che fanno parte del sistema immunitario.
Nell’Unione Europea sono stati registrati circa 12.200 nuovi casi e 2.600 decessi nel 2012 a causa del linfoma di Hodgkin.
La malattia è più spesso diagnosticata negli adulti giovani ( 20-40 anni ) e in età più avanzata ( dopo i 55 anni ).
Il linfoma di Hodgkin classico è il tipo più comune, responsabile del 95% dei casi totali. ( Xagena2016 )

Fonte: BMS, 2016

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro