Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it

Lorviqua per il trattamento dei pazienti adulti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule avanzato ALK-positivo, precedentemente trattato con uno o più inibitori di ALK: approvato nell'Unione Europea


La Commissione europea ( CE ) ha concesso l'autorizzazione condizionata alla commercializzazione di Lorviqua ( Lorlatinib; disponibile negli Stati Uniti, Canada e Giappone con il marchio Lorbrena ), come monoterapia per il trattamento dei pazienti adulti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) ALK-positivo in fase avanzata, la cui malattia è progredita dopo Alectinib [ Alecensa ] o Ceritinib [ Zykadia ] come prima terapia con inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ) di ALK, o Crizotinib [ Xalkori ] e almeno un altro inibitore tirosinchinasico ALK.
Lorviqua è un inibitore della tirosin-chinasi di ALK di terza generazione, specificamente sviluppato per penetrare la barriera emato-encefalica, in presenza o in assenza di mutazioni di resistenza.

L'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata si è basata sui risultati di uno studio multicentrico di fase 1/2 non-randomizzato, dose-ranging, multi-coorte, B7461001, il cui obiettivo era quello di valuatre Lorlatinib nel trattamento dei pazienti con tumore NSCLC avanzato ALK-positivo, che erano stati precedentemente trattati con uno o più inibitori tirosin-chinasici di ALK.

Un totale di 139 pazienti con tumore NSCLC metastatico positivo per ALK dopo il trattamento con almeno un inibitore di ALK di seconda generazione, come Alectinib, Brigatinib [ Alumbrig ] o Ceritinib, sono stati arruolati nella fase 2 dello studio.
Tra questi pazienti, il tasso di risposta globale ( ORR ) per coloro che sono stati trattati con un precedente inibitore di ALK ( n = 28 ) era 42.9% ( IC 95%: 24.5, 62.8 ) e 39.6% ( IC 95%: 30.5, 49.4 ) per quelli con due o più precedenti trattamenti di inibitori ALK ( n = 111 ).
Nello studio, il 67% dei pazienti aveva una storia di metastasi cerebrali.

Tra i 295 pazienti con tumore NSCLC metastatico positivi per ALK o ROS1 trattati con Lorlatinib 100 mg una volta al giorno nello studio B7461001, le reazioni avverse più comuni ( maggiori o uguali al 20% ) sono state: ipercolesterolemia ( 84.4% ), ipertrigliceridemia ( 67.1% ), edema ( 54.6% ), neuropatia periferica ( 47.8% ), effetti cognitivi ( 28.8% ), affaticamento ( 28.1% ), aumento di peso ( 26.4% ), artralgia ( 24.7% ), effetti sull'umore ( 22.7% ) e diarrea ( 22.7% ).

L'approvazione condizionale è concessa a un medicinale che soddisfa un'esigenza medica insoddisfatta, laddove il rapporto rischi / benefici è positivo, e il beneficio della disponibilità immediata del prodotto supera il rischio di dati meno completi di quanto normalmente richiesto.
In base alle disposizioni dell'approvazione condizionale, Pfizer, la società produttrice, fornirà ulteriori dati dagli studi post-marketing, incluso lo studio di fase 3 CROWN, su Lorlatinib rispetto a Crizotinib nel trattamento di prima linea di pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo, attualmente in corso. ( Xagena2019 )

Fonte: Pfizer, 2019

Pneumo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro