Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase

Lynparza per il trattamento del tumore alle ovaie in fase avanzata, associato a geni BRCA difettosi, approvato dalla FDA


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha concesso l'approvazione accelerata a Lynparza ( Olaparib ), un nuovo trattamento farmacologico per le donne con tumore ovarico avanzato associato a mutzioni nei geni BRCA, come rilevato da un test approvato dalla FDA.

Il National Cancer Institute ( NCI ) stima che 21.980 donne statunitensi riceveranno nel 2014 diagnosi di carcinoma ovarico e 14.270 moriranno.

Lynparza è un inibitore PARP ( poli ADP-ribosio polimerasi ), che blocca gli enzimi coinvolti nella riparazione del DNA danneggiato.
Lynparza è destinato alle donne con tumore ovarico pesantemente pretrattato associato a geni BRCA difettosi.

L'FDA ha approvato Lynparza assieme a un test genetico chiamato BRACAnalysis CDx, che rileva la presenza di mutazioni nei geni BRCA ( gBRCAm ) in campioni di sangue delle pazienti con tumore ovarico.
I geni BRCA sono coinvolti con la riparazione del DNA danneggiato e normalmente cercano di sopprimere la crescita tumorale.
Le donne con mutazioni che rendono i geni BRCA difettosi hanno una più alta probabilità di sviluppare cancro ovarico, e si stima che il 10-15% di tutti i tumori alle ovaie abbia mutazioni BRCA di tipo ereditario.

La FDA ha valutato la sicurezza e l'efficacia del BRACAnalysis CDx.
Il nuovo test è stato approvato in particolare per identificare le pazienti con carcinoma ovarico avanzato che possono essere candidate al trattamento con Lynparza.

L'approvazione da parte della FDA del BRACAnalysis CDx si basa sui dati dello studio clinico utilizzato per l'approvazione di Lynparza.
I campioni di sangue delle partecipanti alla sperimentazione clinica sono stati testati per convalidare l'uso del test per la rilevazione di mutazioni BRCA in questa popolazione.

L'efficacia di Lynparza è stata esaminata in uno studio in cui 137 pazienti con tumore ovarico associato a gBRCAm hanno ricevuto il farmaco.
Lo studio era stato progettato per misurare il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), o la percentuale di pazienti con riduzione parziale o scomparsa completa del tumore.
I risultati hanno mostrato che il 34% delle pazienti trattate con Olaparib ha presentato un tasso di risposta obiettiva della durata media 7.9 mesi.

Gli effetti indesiderati più comuni di Lynparza sono stati: nausea, stanchezza, vomito, diarrea, alterazione del gusto ( disgeusia ), dispepsia, cefalea, diminuzione dell'appetito, sintomi del comune raffreddore ( nasofaringite), tosse, dolore articolare ( artralgia ), dolore muscoloscheletrico, dolore muscolare ( mialgia ), dolore alla schiena, rash ( dermatite ) e dolore addominale.
Tra gli effetti indesiderati gravi: sviluppo di sindrome mielodisplastica, leucemia mieloide acuta, e infiammazione polmonare.

Le anomalie di laboratorio più comuni sono state: aumento della creatinina, aumento del volume medio dei globuli rossi ( aumento del volume corpuscolare medio ), diminuzione della conta dei globuli rossi ( emoglobina ), diminuzione della conta dei globuli bianchi ( linfociti e neutrofili ) e diminuzione dei livelli delle piastrine.

Nel mese di giugno, Lynparza è stato sottoposto a valutazione da parte del Oncologic Drugs Advisory Committee della FDA per l'uso potenziale come terapia di mantenimento ( trattamento per prevenire le recidive tumorali ).
Il Comitato aveva votato 11 a 2 contro l'approvazione accelerata di Lynparza per questa indicazione, a causa dei dati insufficienti.
Dopo la riunione, la società produttrice, AstraZeneca, ha presentato ulteriori informazioni a sostegno di un uso diverso di Lynparza: pazienti con carcinoma ovarico associato a gBRCAm che avevano ricevuto tre o più trattamenti chemioterapici. ( Xagena2014 )

Fonte: FDA, 2014

Onco2014 Gyne2014 Farma2014 Diagno2014


Indietro