Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Malattia renale cronica associata a diabete di tipo 2: Kerendia approvato nell'Unione Europea


L'Agenzia europea dei medicinali ( EMA ) ha approvato Kerendia ( Finerenone ), un antagonista non-steroideo del recettore dei mineralocorticoidi ( MRA ) indicato per ridurre il rischio di declino della velocità della filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ), insufficienza renale, morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale e ospedalizzazione per insufficienza cardiaca nei pazienti adulti con malattia renale cronica associata a diabete mellito di tipo 2.

Il Finerenone agisce bloccando l'iperattivazione del recettore dei mineralocorticoidi, che si ritiene contribuisca alla fibrosi e all'infiammazione con conseguente danno strutturale permanente a livello renale.
Finerenone è il primo antagonista selettivo del recettore dei mineralcorticoidi non-steroideo sviluppato specificamente come una nuova opzione di trattamento per proteggere i pazienti da ulteriori danni renali e da danni cardiovascolari.

L'approvazione si basa sui risultati dello studio di fase III FIDELIO-DKD che ha dimostrato esiti positivi per i reni e l'apparato cardiovascolare nei pazienti con nefropatia cronica associata a diabete mellito di tipo 2.

Nello studio di fase III FIGARO-DKD su pazienti con nefropatia cronica e diabete di tipo 2, Finerenone ha ridotto significativamente il rischio dell'endpoint primario composito del tempo alla prima comparsa di morte cardiovascolare o di eventi cardiovascolari non-fatali del 13% nel corso di un follow-up mediano di 3.4 anni quando aggiunto agli ACE inibitori o ai bloccanti il recettore dell'angiotensina.

La malattia renale cronica è una condizione comune e potenzialmente mortale ampiamente sottovalutata. L'insufficienza renale cronica progredisce in modo silenzioso e imprevedibile, con molti sintomi che non compaiono fino a quando la malattia non è in uno stadio avanzato.
L'insufficienza renale cronica è una delle complicanze più frequenti derivanti dal diabete ed è anche un fattore di rischio indipendente di malattie cardiovascolari.
Fino al 40% di tutti i pazienti con diabete di tipo 2 sviluppa una malattia renale cronica.
Nonostante le terapie guidate dalle lineeguida, i pazienti con nefropatia cronica e diabete di tipo 2 rimangono ad alto rischio di progressione di malattia renale ed eventi cardiovascolari.
Si stima che la malattia renale cronica colpisca più di 160 milioni di persone con diabete di tipo 2 in tutto il mondo. La malattia renale cronica nel diabete di tipo 2 è la causa principale della malattia renale allo stadio terminale, che richiede la dialisi o un trapianto di rene.
I pazienti con malattia renale cronica e diabete di tipo 2 hanno una probabilità tre volte maggiore di morire per cause cardiovascolari rispetto a quelli con diabete di tipo 2 da solo. ( Xagena2022 )

Fonte: Bayer, 2022

Cardio2022 Endo2022 Nefro2022 Farma2022


Indietro