Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it

Praluent nella prevenzione di infarto miocardico, ictus e angina instabile richiedente ricovero in ospedale, approvato dalla FDA


L'FDA ( US Food and Drug Administration ) ha approvato Praluent ( Alirocumab ) per ridurre il rischio di infarto miocardico, ictus e angina instabile che richiede il ricovero ospedaliero negli adulti con malattia cardiovascolare stabilita.

Alti livelli di colesterolo LDL aumentano il rischio di gravi eventi cardiovascolari. Gli adulti che hanno un infarto miocardico o un ictus hanno circa una possibilità su tre di avere un altro evento cardiovascolare.

L'approvazione della FDA si basa sui dati di ODYSSEY OUTCOMES, pubblicati su The New England Journal of Medicine ( NEJM ) nel novembre 2018, che hanno valutato l'effetto dell'aggiunta di Praluent a statine alla dose massima tollerata sugli esiti cardiovascolari in 18.924 pazienti con sindrome coronarica acuta ( ACS ) entro 1 anno dall'arruolamento.

I pazienti che hanno ricevuto Praluent nello studio hanno riportato:

• un rischio ridotto del 15% per i principali eventi cardiovascolari. L'endpoint primario includeva il tempo al primo infarto miocardico, ictus, morte per malattia coronarica ( CHD ) o angina instabile che richiedeva ospedalizzazione ( hazard ratio, HR = 0.85; IC 95%, 0.78-0.93; p = 0.0003 );

• riduzione del 27% del rischio di ictus, riduzione del 14% del rischio di infarto miocardico non-fatale e riduzione del 39% del rischio di angina instabile richiedente ricovero in ospedale;

• un rischio ridotto del 15% di morte per qualsiasi causa ( HR = 0.85; IC 95%, 0.73-0.98, p nominale = 0.026 ).

Gli eventi avversi sono risultati simili tra i gruppi Praluent e placebo, ad eccezione delle reazioni al sito di iniezione ( Praluent 3.8%, placebo 2.1% ).
In ODYSSEY OUTCOMES, gli eventi avversi verificatisi in più del 5% dei pazienti includevano: dolore toracico non-di-origine cardiaca ( 7.0% Praluent, 6.8% placebo ), nasofaringite ( 6.0% Praluent, 5.6% placebo ) e mialgia ( 5.6% Praluent, 5.3% placebo ).

L'FDA ha anche approvato Praluent come coadiuvante della dieta, da solo o in combinazione con altre terapie ipolipemizzanti ( ad es. statine, Ezetimibe ), per il trattamento degli adulti con iperlipidemia primaria ( inclusa ipercolesterolemia familiare eterozigote ) per ridurre il colesterolo LDL.

Praluent è l'unico inibitore di PCSK9 disponibile in due dosi ( 75 mg e 150 mg ) con due livelli di efficacia come singola iniezione, una volta ogni due settimane.
Può anche essere somministrato come 300 mg una volta ogni quattro settimane ( a cadenza mensile ), consentendo ai medici di personalizzare il trattamento in base alle esigenze di riduzione del colesterolo LDL di un paziente.

ODYSSEY OUTCOMES ha valutato l'effetto di Praluent sul verificarsi di eventi avversi cardiovascolari maggiori in pazienti che avevano avuto una sindrome coronarica acuta prima di essere arruolati nello studio e che erano già in terapia intensiva o in trattamento con statine alla dose massima tollerata.
I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Praluent ( n = 9.462 ) o un placebo ( n = 9.462 ) e sono stati valutati per una mediana di 2.8 anni, con alcuni pazienti trattati per un massimo di cinque anni.
Circa il 90% dei pazienti era in trattamento con statine ad alta intensità prima della randomizzazione.
Lo studio era stato disegnato per mantenere i livelli di colesterolo LDL dei pazienti tra 25-50 mg/dL ( 0.65 - 1.29 mmol/L ), utilizzando due diverse dosi di Praluent ( 75 mg e 150 mg ).
I pazienti trattati con il metodo Praluent hanno iniziato lo studio con 75 mg ogni due settimane e sono passati a 150 mg ogni due settimane se i livelli di colesterolo LDL rimanevano superiori a 50 mg/dL ( n = 2.615 ).
Alcuni pazienti passati a 150 mg sono ritornati ad assumere 75 mg se il loro colesterolo LDL era sceso al di sotto di 25 mg/dl ( n = 805 ), e i pazienti che hanno sperimentato due misurazioni consecutive di colesterolo LDL inferiori a 15 mg/dL ( 0.39 mmol/L ) mentre erano in trattamento con la dose da 75 mg ( n = 730 ) hanno interrotto la terapia con Praluent per il resto della sperimentazione. ( Xagena2019 )

Fonte: Sanofi, 2019

Endo2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro