Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

Sarclisa in combinazione con Carfilzomib e Desametasone per i pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario, approvato dalla FDA


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Sarclisa ( Isatuximab ) in combinazione con Carfilzomib e Desametasone ( regime Kd ), per il trattamento dei pazienti adulti con mieloma multiplo recidivante o refrattario ( RRMM ) che hanno ricevuto da una a tre linee precedenti di terapia.

Questa è la seconda approvazione della FDA per Sarclisa, che è anche approvato in combinazione con Pomalidomide e Desametasone ( Pom-Dex ) nel trattamento degli adulti con mieloma multiplo recidivante o refrattario che hanno ricevuto almeno due precedenti terapie tra cui Lenalidomide e un inibitore del proteasoma.

L'approvazione della FDA si basa sui dati di IKEMA, uno studio clinico di fase 3, randomizzato, multicentrico, in aperto, che ha arruolato 302 pazienti con mieloma multiplo recidivante in 69 centri in 16 Paesi.
In questo studio, Sarclisa aggiunto a regime Kd ( terapia di associazione Sarclisa ) ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di mortalità del 45% ( hazard ratio, HR = 0.548; IC 95%, 0.366-0.822, p = 0.0032 ) rispetto allo standard di cura Kd da solo in pazienti con mieloma multiplo.
La sopravvivenza libera da progressione mediana ( PFS ) per la terapia di associazione con Sarclisa non è stata raggiunta al momento dell'analisi ad interim pianificata.
Questo studio ha arruolato una popolazione di pazienti difficili da trattare, compresi gli anziani, ad alto rischio citogenetico o con insufficienza renale.
Nel complesso, le caratteristiche demografiche e della malattia al basale erano bilanciate tra i due gruppi di trattamento.

Gli endpoint secondari dello studio IKEMA hanno valutato il tasso di risposta globale ( ORR ) per la terapia di associazione Sarclisa rispetto al regime Kd, inclusa la risposta completa ( CR ) e la risposta parziale molto buona ( VGPR ).
Non è emersa alcuna differenza statisticamente significativa nel tasso ORR, che è rimasta simile per ciascun braccio all'86.6% per la terapia di combinazione Sarclisa rispetto all'82.9% per il regime Kd ( p = 0.3859 ).
Il tasso di risposta completa è stato del 39.7% nel braccio terapia di combinazione Sarclisa e del 27.6% nel braccio Kd.
Il tasso di risposta VGPR era del 33% per i pazienti che ricevevano la terapia di associazione Sarclisa e del 28.5% per i pazienti trattati con regime Kd.
Al momento dell'analisi ad interim, i dati sulla sopravvivenza globale ( OS ) erano ancora immaturi.

Le reazioni avverse più frequenti ( verificatesi nel 20% o più dei pazienti ) per Sarclisa rispetto al braccio di controllo sono state infezioni del tratto respiratorio superiore ( 67% vs 57% ), reazioni correlate all'infusione ( 46% vs 3.3% ), affaticamento ( 42% vs 32% ), ipertensione ( 37% vs 32% ), diarrea ( 36% vs 29% ), polmonite ( 36% vs 30% ), dispnea ( 29% vs 24% ), bronchite ( 24% vs 13% ), e tosse ( 23% vs 15% ).
Le reazioni avverse gravi che si sono verificate in più del 5% dei pazienti che hanno ricevuto la terapia di associazione con Sarclisa sono state: polmonite ( 25% ) e infezioni del tratto respiratorio superiore ( 9% ).

La sospensione permanente del trattamento a causa di reazioni avverse ( grado 1-4 ) si è verificata nell'8% dei pazienti trattati con la terapia di associazione Sarclisa, e nel 2.8% dei pazienti lo ha interrotto a causa di una infezione.

Sarclisa è un anticorpo monoclonale che si lega a un epitopo specifico del recettore CD38 sulle cellule del mieloma. È progettato per funzionare attraverso molteplici meccanismi d'azione tra cui la morte programmata delle cellule tumorali ( apoptosi ) e l'attività immunomodulante.
Il CD38 è altamente espresso e in modo uniforme sulla superficie delle cellule di mieloma, rendendolo un potenziale bersaglio per terapie a base di anticorpi come Sarclisa.

Il mieloma multiplo è la seconda neoplasia ematologica più comune, che colpisce più di 130.000 pazienti negli Stati Uniti; ogni anno a circa 32.000 statunitensi viene diagnosticato il mieloma multiplo.
Nonostante i trattamenti disponibili, il mieloma multiplo rimane un tumore maligno incurabile.
Poiché il mieloma multiplo non ha una cura, la maggior parte dei pazienti andrà incontro a una ricaduta. ( Xagena2021 )

Fonte: Sanofi, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro