Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

Trodelvy per il trattamento del cancro uroteliale localmente avanzato o metastatico a seguito di una chemioterapia contenente Platino e di un inibitore PD-1 / PD-L1 - Approvato dalla FDA


La FDA ( US Food and Drug Administration ) ha concesso l'approvazione accelerata di Trodelvy ( Sacituzumab govitecan-hziy; Sacituzumab govitecan ) per l'uso nei pazienti adulti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico che avevano precedentemente ricevuto una chemioterapia contenente Platino e un inibitore PD-1 o un inibitore PD-L1.

L'approvazione accelerata si è basata sui dati dello studio internazionale di fase 2, TROPHY a braccio singolo.
Dei 112 pazienti valutabili per l'efficacia, il 27.7% di quelli trattati con Trodelvy ha risposto al trattamento, con risposta completa nel 5.4% e risposta parziale nel 22.3%.
La durata mediana della risposta è stata di 7.2 mesi ( IC al 95%: 4.7-8.6 ).

Le informazioni sulla prescrizione di Trodelvy negli Stati Uniti contengono un Boxed Warning ( massima avvertenza ) per neutropenia grave o pericolosa per la vita e diarrea grave.

Il profilo di sicurezza di Trodelvy nello studio TROPHY è coerente con le precedenti osservazioni nel carcinoma uroteliale metastatico e in altri tipi di tumore.
Tra tutti i pazienti con carcinoma uroteliale metastatico, trattato, e valutabili ( n = 113 ), le reazioni avverse più comuni ( 25% o più ) sono state: diarrea, affaticamento, neutropenia, nausea, alopecia, anemia, diminuzione dell'appetito, costipazione, vomito e dolore addominale.
Le reazioni avverse che hanno portato all'interruzione del trattamento si sono verificate nel 10% di coloro che hanno ricevuto Trodelvy, con il 4% che ha interrotto il trattamento a causa della neutropenia.

Sacituzumab govitecan è un anticorpo ad azione inibitoria della topoisomerasi di classe I, diretti al recettore Trop-2, una proteina espressa frequentemente in più tipi di tumori epiteliali, tra cui il carcinoma mammario triplo negativo metastatico ( mTNBC ) e il carcinoma uroteliale metastatico, dove un'elevata espressione è associata a scarsa sopravvivenza e alta ricaduta.

TROPHY-U01 è uno studio in corso, internazionale, multicentrico, in aperto, multi-coorte, a braccio singolo che sta valutando la monoterapia o la terapia di combinazione di Trodelvy nei pazienti con carcinoma uroteliale metastatico dopo progressione con un regime a base di Platino e immunoterapia anti-PD-1 / PD-L1.
Nelle coorti 1 e 2, i pazienti hanno ricevuto Trodelvy 10 mg/kg somministrato per via endovenosa nei giorni 1 e 8 di un ciclo di 21 giorni da continuare fino a progressione della malattia o a perdita del beneficio clinico.
Trodelvy è stato autorizzato con approvazione accelerata in base al tasso di risposta oggettiva ( ORR ) e alla durata della risposta ( DoR ) riscontrate nella Coorte 1.

Le coorti 2, 3, 4 e 5 dello studio sono in corso.
La coorte 2 sta valutando la sicurezza e l'efficacia della monoterapia con Trodelvy nei pazienti non-idonei al Platino dopo progressione con immunoterapia a base di anti-PD-1 / PD-L1.
La coorte 3 sta valutando la sicurezza e l'efficacia di Trodelvy nei giorni 1 e 8 di un ciclo di 21 giorni con successivo trattamento con Pembrolizumab alla dose standard approvata ( 200 mg ) solo il giorno 1 di un ciclo di 21 giorni nei pazienti con carcinoma uroteliale metastatico che sono progrediti dopo una precedente terapia con Platino.
Le coorti 4 e 5 stanno valutando la sicurezza e l'efficacia della terapia di associazione con Trodelvy nei pazienti con carcinoma uroteliale metastatico naive-al-trattamento, con quelli della Coorte 4 che hanno ricevuto Cisplatino e quelli della Coorte 5 che hanno ricevuto Cisplatino e Avelumab, rispettivamente, in aggiunta a Trodelvy.

L'endpoint primario è il tasso di risposta obiettiva basato sui criteri RECIST 1.1 valutato centralmente in tutte e cinque le coorti.
Nelle coorti 1 e 2, gli endpoint secondari sono stati la durata della risposta e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) sulla base della revisione centrale e della sopravvivenza globale ( OS ).
Gli endpoint secondari nelle coorti 3, 4 e 5 hanno incluso la durata della risposta, il tasso di beneficio clinico ( CBR ) e la sopravvivenza libera da progressione sulla base della revisione centrale secondo i criteri RECIST 1.1; durata della risposta, tasso di beneficio clinico e sopravvivenza libera da progressione sulla base della revisione dello sperimentatore secondo i criteri RECIST 1.1 e iRECIST, sopravvivenza globale, e sicurezza e tollerabilità di Trodelvy in combinazione con Pembrolizumab, Cisplatino o Cisplatino e Avelumab, a seconda della Coorte.

Il cancro uroteliale è il tipo più comune di cancro della vescica e si verifica quando le cellule uroteliali che rivestono l'interno della vescica e altre parti del tratto urinario crescono in modo insolito o incontrollabile.
Si stima che circa 83.000 statunitensi riceveranno una diagnosi di cancro alla vescica nel 2021 e quasi il 90% di queste diagnosi sarà cancro uroteliale.
Il tasso di sopravvivenza a 5 anni relativo per i pazienti con carcinoma uroteliale metastatico è del 5.5%. ( Xagena2021 )

Fonte: Gilead, 2021

Uro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro