Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

UE: Tecentriq come trattamento in monoterapia di prima linea nel carcinoma al polmone non-a-piccole cellule metastatico con elevata espressione di PD-L1, senza aberrazioni tumorali genomiche di EGFR o ALK


La Commissione Europea ha approvato Tecentriq ( Atezolizumab ) come trattamento di prima linea per gli adulti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) metastatico i cui tumori hanno un'elevata espressione di PD-L1, senza aberrazioni genomiche del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) o della chinasi del linfoma anaplastico ( ALK ).

L'approvazione si basa sui dati dello studio di fase III IMpower110, che ha dimostrato che la monoterapia con Atezolizumab ha migliorato la sopravvivenza globale ( OS ) di 7.1 mesi rispetto alla chemioterapia ( OS mediana = 20.2 versus 13.1 mesi; hazard ratio [ HR ] = 0.59, IC 95 %: 0.40-0.89; p = 0.0106 ) nelle persone con alta espressione di PD-L1 ( TC3 o IC3-wild-type [ WT ] ).

La sicurezza di Tecentriq era coerente con il profilo di sicurezza noto, senza nuovi segnali di sicurezza identificati.
Eventi avversi di grado 3-4 correlati al trattamento sono stati riportati nel 12.9% delle persone che ricevevano Tecentriq, rispetto al 44.1% delle persone trattate con chemioterapia.

Atezolizumab è un anticorpo monoclonale progettato per legarsi con PD-L1, che si esprime sulle cellule tumorali e sulle cellule immunitarie infiltranti il tumore, bloccandone le interazioni con i recettori PD-1 e B7.1. Inibendo PD-L1, Atezolizumab può consentire l'attivazione dei linfociti T.

In Europa, Tecentriq ha ora quattro indicazioni approvate nel tumore al polmone non-a-piccole cellule, anche come agente singolo o in combinazione con terapie mirate e/o chemioterapia.
È stata anche la prima immunoterapia antitumorale approvata per il trattamento di prima linea di pazienti adulti con carcinoma polmonare a piccole cellule ( SCLC ) in stadio esteso in combinazione con Carboplatino ed Etoposide ( chemioterapia ).

IMpower110 è uno studio di fase III, randomizzato, in aperto che ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Atezolizumab in monoterapia rispetto a Cisplatino o Carboplatino e Pemetrexed o Gemcitabina ( chemioterapia ) in partecipanti selezionati con espressione di PD-L1, naïve alla chemioterapia con stadio IV non-squamoso o tumore NSCLC squamoso.
Lo studio ha arruolato 572 persone, di cui 554 nella popolazione WT ( wild type ) intent-to-treat, che escludeva persone con aberrazioni tumorali genomiche di EGFR o di ALK.
I pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere: Tecentriq in monoterapia, fino a progressione della malattia ( o perdita di beneficio clinico valutato dallo sperimentatore ), tossicità inaccettabile o morte; oppure Cisplatino o Carboplatino ( a discrezione dello sperimentatore ) in combinazione con Pemetrexed ( non-squamoso ) o Gemcitabina ( squamoso ), seguiti da terapia di mantenimento con Pemetrexed da solo ( non-squamoso ) o migliore terapia di supporto ( squamoso ) fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile o morte.
L'endpoint primario di efficacia era la sopravvivenza globale per il sottogruppo PD-L1 ( TC3/IC3-WT; TC2,3/IC2,3-WT; e TC1,2,3/IC1,2,3-WT ), come determinato dal test SP142.
Gli endpoint secondari chiave includevano la sopravvivenza libera da progressione valutata dallo sperimentatore, il tasso di risposta obiettiva e la durata della risposta.

Al World Conference on Lung Cancer 2020 ( gennaio 2021 ), un'analisi esplorativa aggiornata della sopravvivenza globale nella popolazione con alta espressione di PD-L1 ( TC3 o IC3 )-WT ha mostrato un beneficio di sopravvivenza globale continuato a un follow-up mediano di 31.3 mesi ( HR = 0.76, IC 95%: 0.54-1.09 ).
La sopravvivenza globale mediana nel braccio Tecentriq è stata la stessa osservata nell'analisi precedente ( 20.2 mesi ); nel braccio chemioterapico, la sopravvivenza globale mediana è stata di 14.7 mesi.

PD-L1 è una proteina espressa su cellule tumorali e cellule infiltranti il ​​tumore, che sopprime la risposta immunitaria e consente alle cellule tumorali di evitare il rilevamento legandosi alle proteine ​sulla superficie delle cellule immunitarie.
Le imunoterapie come Tecentriq bloccano il PD-L1 dal legarsi alle cellule immunitarie, consentendo al sistema immunitario di rilevare e distruggere le cellule tumorali.
In IMpower110, i pazienti sono stati classificati come PD-L1 alto se avevano PD-L1 su almeno il 50% delle cellule tumorali o se le cellule infiltranti il ​​tumore che esprimevano PD-L1 coprivano almeno il 10% dell'area tumorale.

Il cancro ai polmoni è una delle principali cause di morte per tumore a livello globale. Ogni anno 1.8 milioni di persone muoiono a causa della malattia; questo si traduce in più di 4.900 decessi in tutto il mondo ogni giorno.
Il cancro del polmone può essere sostanzialmente suddiviso in due tipi principali: NSCLC [ carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ] e SCLC [ carcinoma polmonare a piccole cellule ]. NSCLC è il tipo più diffuso, rappresentando circa l'85% di tutti i casi. NSCLC comprende il cancro del polmone non-squamoso e a cellule squamose, la cui forma squamosa è caratterizzata da cellule piatte che coprono la superficie delle vie aeree se osservate al microscopio. ( Xagena2021 )

Fonte: Roche, 2021

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro