Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

Unione Europea: Darzalex in formulazione sottocutanea per tutte le indicazioni della formulazione endovenosa di Daratumumab attualmente approvate nel mieloma multiplo


Darzalex ( Daratumumab ) formulazione sottocutanea ( SC ) è stato approvato nell'Unione Europea per il trattamento dei pazienti adulti con mieloma multiplo.
Daratumumab SC viene somministrato come dose fissa, il che riduce significativamente il tempo di trattamento, da ore a circa 3-5 minuti, rispetto alla formulazione endovenosa ( IV ) di Daratumumab.
Inoltre, solo la prima dose di Daratumumab SC deve essere somministrata in un ambiente in cui sono disponibili strutture di rianimazione.

L'approvazione si applica a tutte le attuali indicazioni di Daratumumab in prima linea e setting recidivante / refrattario, e i pazienti attualmente in trattamento con Daratumumab IV possono passare alla formulazione sottocutanea se lo desiderano.

I dati a supporto dell'approvazione hanno mostrato che Daratumumab SC ha dimostrato un tasso di risposta globale ( ORR ) coerente e un profilo di sicurezza simile rispetto a Daratumumab IV in pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario.
Inoltre, vi è stata una riduzione di quasi i due terzi delle reazioni sistemiche correlate all'infusione ( IRR ) per Daratumumab SC rispetto a Daratumumab IV ( 13% vs. 35%, rispettivamente ).
La nuova formulazione sottocutanea di Daratumumab è co-formulata con Ialuronidasi umana ricombinante PH20 ( rHuPH20 ).

L'approvazione di Darzalex sottocute è supportata dai dati dello studio di fase 2 PLEIADES e dallo studio di fase 3 COLUMBA.

Nello studio PLEIADES, che ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Daratumumab SC nelle terapie combinate, sono state dimostrate risposte obiettive in combinazione con Bortezomib, Melfalan e Prednisone ( D-VMP ) nei pazienti di nuova diagnosi non-idonei al trapianto.
Inoltre, sono state dimostrate risposte obiettive in combinazione con Lenalidomide e Desametasone ( D-Rd ) nei pazienti recidivi o refrattari che avevano ricevuto una precedente linea di terapia.

Nello studio COLUMBA, al follow up mediano di 7.5 mesi, il tasso di risposta complessivo è stato del 41% per la formulazione somministrata per via sottocutanea di Daratumumab, rispetto al 37% per Daratumumab per via endovenosa ( intervallo di confidenza [ IC ] 95%, 1.11 ( 0.89-1.37 ); P minore di 0.0001 ).
Il tasso ORR è stato simile per tutti i sottogruppi clinicamente rilevanti, incluso il peso corporeo.
Il rapporto della media geometrica Ctrough per Daratumumab per via sottocutanea rispetto a Daratumumab per via endovenosa è stato del 108% ( IC 90%, 96-122% ).
Il tasso di sopravvivenza libera da progressione è stato simile fra la formulazione per via sottocutanea di Daratumumab e l'attuale formulazione per via endovenosa di Daratumumab ( HR= 0.99; IC 95%, 0.78-1.26; P inferiore a 0.9258 ).
La durata mediana per ogni iniezione sottocutanea è stata di 5 minuti, rispetto a più di 3 ore con le infusioni per via endovenosa.

Gli eventi avversi più comuni emergenti dal trattamento( TEAE ) ( maggiore di 5% ) di grado 3/4 sono stati trombocitopenia ( 14% versus 14% ), anemia ( 13% vs 14% ) e neutropenia ( 13% vs 8% ).
Un tasso più basso di reazioni relative all'infusione è stato osservato nel braccio che ha ricevuto la formulazione per via sottocutanea di Daratumumab rispetto a Daratumumab per via endovenosa ( 13% versus 35%, rispettivamente ) ( OR= 0.28; IC 95%, 0.18-0.44; P inferiore a 0.0001 ).
Le reazioni principali per l'interruzione del trattamento hanno incluso la patologia progressiva ( 43% nel braccio sottocute contro il 44% nel braccio endovena ) e gli eventi avversi ( 7% nel braccio sottocute versus 8% nel braccio endovena ). ( Xagena2020 )

Fonte: Janssen, 2020

Emo2020 MalRar2020 Med2020 Farma2020


Indietro