Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it

Xospata in monoterapia per i pazienti con leucemia mieloide acuta recidivata o refrattaria con mutazione FLT3, approvato nell'Unione Europea


La Commissione Europea ( CE ) ha approvato Xospata ( Gilteritinib ), per os una volta al giorno, come monoterapia per il trattamento dei pazienti adulti con leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria ( LMA ) con una mutazione FLT3 ( FLT3mut+ ).
Gilteritinib ha il potenziale per migliorare gli esiti dei pazienti con leucemia mieloide acuta con le due forme più comuni della mutazione, FLT3-ITD ( duplicazione interna in tandem ) e FLT3-TDK ( dominio della tirosin-chinasi ).

Questa approvazione si basa sui risultati dello studio di fase 3 ADMIRAL, che ha valutato Gilteritinib rispetto alla chemioterapia di salvataggio nei pazienti con leucemia mieloide acuta FLT3mut+ recidivante o refrattaria.
I pazienti trattati con Gilteritinib avevano una sopravvivenza globale ( OS ) significativamente più lunga rispetto a quelli trattati con la chemioterapia di salvataggio.
La sopravvivenza globale mediana per i pazienti che hanno ricevuto Gilteritinib è stata di 9.3 mesi, rispetto a 5.6 mesi per i pazienti che hanno ricevuto la chemioterapia di salvataggio ( hazard ratio, HR = 0.64 [ IC 95% 0.49, 0.83 ], P = 0.0004 ).
I tassi di sopravvivenza a un anno sono stati del 37% per i pazienti che hanno ricevuto Gilteritinib, rispetto al 17% per i pazienti che hanno ricevuto la chemioterapia di salvataggio.
La leucemia mieloide acuta è un tumore raro e i pazienti con una mutazione FLT3 hanno una prognosi particolarmente sfavorevole, con una sopravvivenza mediana inferiore a 6 mesi dopo il trattamento con chemioterapia di salvataggio.

Lo studio ADMIRAL è stato uno studio randomizzato, multicentrico e in aperto, di Gilteritinib rispetto alla chemioterapia di salvataggio nei pazienti adulti con malattia leucemica mieloide acuta FLT3mut+ refrattaria o recidivante dopo la terapia di prima linea.
Gli endpoint co-primari dello studio erano la sopravvivenza globale e i tassi CR/CRh [ remissione completa con recupero ematologico parziale ].
Lo studio ha arruolato 371 pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria e con mutazione FLT3 nel midollo osseo o nel sangue intero.
I soggetti sono stati randomizzati in un rapporto 2:1 a ricevere Gilteritinib ( 120 mg ) o chemioterapia di salvataggio.

Gli eventi avversi più comuni in entrambi i bracci di trattamento dello studio ADMIRAL sono stati neutropenia febbrile ( 43.7% ), anemia ( 43.4% ) e piressia ( 38.6% ).
Effetti avversi comuni, correlati a Gilteritinib, di grado maggiore o uguale a 3 sono stati: anemia ( 19.5% ), neutropenia febbrile ( 15.4% ), trombocitopenia ( 12.2% ) e riduzione della conta piastrinica ( 12.2% ).
Dopo aggiustamento per la durata dell'esposizione, le reazioni avverse gravi emerse dal trattamento per anno-paziente sono risultate meno comuni con Gilteritinib ( 7.1% ) rispetto alla chemioterapia di salvataggio ( 9.2% ). ( Xagena2019 )

Fonte: Astellas, 2019

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro